Jazzflirt Festival su Rai Radio3 Suite

Jazzflirt Festival su Rai Radio3 Suite. Lunedì 21 gennaio alle 20.30 l’emittente nazionale trasmetterà due concerti jazz organizzati dall’associazione di promozione sociale Jazzflirt – Musica & altri Amori di Formia. L’associazione è guidata dalla presidente Francesca Basta Nasti e dal segretario Gerardo Albanese. Oltre che in FM e in DAB, il programma potrà essere seguito in streaming su RaiPlay Radio.

I due concerti jazz sono stati eseguiti al Museo del Brigantaggio di Itri il 14 ottobre e 10 novembre 2017, nell’ambito della tredicesima (XIII) edizione del Jazzflirt festival. Il primo concerto, intitolato Don Karate, ha avuto come ospite d’onore Stefano Tamborrino, alla batteria, coadiuvato da Pasquale Mirra, vibrafono; Francesco Ponticelli, basso elettrico.

Il secondo concerto ha avuto come ospiti Francesco Cusa & The Assassins dal titolo Rhythm Permutations”. Il gruppo era formato da Giovanni Benvenuti, sax tenore; Giulio Stermieri, tastiere, organo hammond; Francesco Cusa, batteria; Valeria Sturba, vilino, voce, theremin, elettronica.

Dal sito dell’Associazione Jazzflirt di Formia:

L’Associazione di promozione sociale Jazzflirt – Musica & altri Amori nasce a Formia nel maggio del 2004 con l’obiettivo principale di promuovere e diffondere la cultura musicale in generale, ed in particolare quella originale improvvisata di stampo jazzistico.
Dalla sua nascita ad oggi, l’associazione ha mirato anche a contribuire alla formazione del pubblico, soprattutto giovanile, attraverso diversi canali espressivi quali concerti, seminari, rassegne cinematografiche, mostre fotografiche.

Nei suoi dieci anni di attività, l’associazione ha spesso lavorato in sinergia con altre associazioni nell’organizzazione di concerti per serate di beneficenza, mostre fotografiche e proiezioni di filmati. Ha messo a disposizione la propria esperienza nel campo dell’organizzazione di eventi per la crescita di occasioni di aggregazione culturale nella città ed in tutto il golfo.

Le attività concertistiche, presentate nell’arco di tutto l’anno, hanno sempre avuto come naturale conclusione stagionale le edizioni del “Jazzflirt Festival”, presentando in ogni occasione musicisti di alta qualità e riscuotendo un successo di pubblico crescente negli anni.

Info su www.jazzflirt.net o alle pagine Facebook dell’associazione.

Fondi, fuga in macchina per sottrarsi al controllo dei Carabinieri

In data 17 gennaio 2019, i militari dell’arma del luogo traevano in arresto, nella flagranza del reato di “detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti”, un cittadino indiano di 28 anni, domiciliato a Fondi senza fissa dimora poiché sorpreso, a seguito di perquisizione personale, in possesso di complessivi grammi 9,5 di eroina, occultati nella suola delle scarpe.

Nell’ambito del medesimo contesto operativo, gli stessi militari deferivano in stato di libertà per concorso nel reato di “resistenza a pubblico ufficiale” un 43enne di Itri ed un 30enne indiano senza fissa dimora. I predetti, nel tentativo di sottrarre al controllo il suddetto arrestato, che viaggiava a bordo della loro autovettura, si davano alla fuga ad altissima velocità lungo la strada provinciale per Fondi, per ampi tratti anche contromano, mettendo in pericolo l’incolumità di vari automobilisti e dei medesimi operanti, prima che questi riuscissero a raggiungerli e bloccarli. Lo stupefacente e’ stato sottoposto a sequestro.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Latina, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Fondi, conferenza "Dalla vendetta al tribunale"

Sabato 19 Gennaio alle ore 17.00 presso la Sala convegni del Castello Caetani si terrà la conferenza della prof.ssa Agliaia McClintock “Dalla vendetta al tribunale – Riflessioni sul mito fondativo del primo tribunale dell’occidente”  organizzata dall’UNI 3 – Università della Terza Età di Fondi e si avvale del patrocinio del Comune di Fondi.

«La conferenza – afferma la Presidente dell’UNI 3 prof.ssa Maria Luigia Marino – offrirà diversi spunti di riflessione a partire dall’“Orestea”, ultima opera di Eschilo rappresentata ad Atene prima della sua morte, che segna la nascita della concezione del diritto che persegue la giustizia (Dike)
superando il principio arcaico della vendetta, soprattutto in ambito familiare.

In quest’opera universale e moderna, dall’arcaica legge del taglione di Clitennestra si approda alle regole condivise secondo le quali la colpa si estingue espiando la giusta pena. E’, dunque, il percorso di transizione dalla ferocia originaria, dal delitto che genera delitto, a un sistema più razionale, dove le decisioni sono assunte dai cittadini della polis. E’ il lungo e tormentato cammino verso la  democrazia».

Laureata in Giurisprudenza con il massimo dei voti e la lode presso l’Università degli Studi di Napoli
Federico II, Agliaia McClintock ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Diritto romano e tradizione
romanistica: i fondamenti del diritto europeo” presso il medesimo ateneo e dal 2008 insegna “Istituzioni e storia del diritto romano” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Sannio di Benevento. Ha al suo attivo incarichi di insegnamento e di ricerca presso qualificati atenei e istituti di ricerca internazionali: University of Cambridge, Université de Rennes 1, Max-Planck-Institut für europäische Rechtsgeschichte di Francoforte sul Meno. Fa parte della redazione della rivista «Index. International Survey of Roman Law». Suoi temi di ricerca sono la condizione femminile e il diritto criminale. E’ autrice e curatrice di volumi a tema giuridico, tra cui “Servi della pena. Condannati a morte nella Roma imperiale” (2010) e “Giuristi nati. Antropologia e diritto romano” (2016).

Minturno, simulava lo smarrimento della patente per eludere i controlli

In data 16 gennaio 2019,  a conclusione di specifica attività di indagine, i militari della locale stazione carabinieri deferivano in stato di libertà  per il reato di “falsità ideologica” un 27enne della provincia di caserta. il  predetto, a seguito di violazione dell’art 186 c.7 del codice della strada (che prevede il caso di rifiuto dell’accertamento sul tasso alcolico nel sangue) da parte di altro comando arma, con lo scopo di eludere i controlli alla circolazione stradale, denunciava falsamente in più occasioni lo smarrimento della propria patente al fine di farsi rilasciare permessi provvisori di guida