🔊 Intervista a Isabella Indolfi, curatrice di Seminaria Sogninterra

Riascolta in podcast su Radio Civita InBlu l’intervista a Isabella Indolfi, curatrice di Seminaria Sogninterra. Si è parlato della mostra d’arte contemporanea ‘Ascoltare lo spazio’ che sarà inaugurata domenica 26 Maggio alle ore 11:00 nel borgo di Maranola in Formia.

La mostra, è la tappa finale di un percorso che gli studenti hanno iniziato a marzo durante una residenza di una settimana.

Il lavoro è stato pensato e ragionato per far sì che i ragazzi riuscissero a delineare, con maggior consapevolezza, il rapporto tra pensiero d’arte e ambiente. Il percorso di esplorazione del borgo si è basato sulla comprensione del contesto spaziale, sullo studio del concetto di site e situation specific e su pratiche relazionali.

“Ascoltare lo spazio” significa tenere conto delle caratteristiche morfologiche, storiche e sociali del luogo. Calcando le tracce di alcuni dei migliori artisti della scena nazionale, ospitati a Maranola durante le cinque edizioni del Festival Biennale di Arte Ambientale di SEMINARIA, gli studenti della RUFA dissemineranno le loro installazioni tra i vicoli, gli angoli e le piazze dell’antico borgo.

Il Teatro Bertolt Brecht dopo 30 anni non ha più una casa

Dopo 45 anni di attività, il Teatro Bertolt Brecht di Formia deve lasciare quella che, dal 1988, è stata una casa accogliente per tanti.
Noi sappiamo che saprete affrontare anche questo ostacolo: perché l’anima è più forte di tutto e si rialzerà più in alto di prima.

_ Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi,
altri che lottano un anno e sono più bravi,
ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi,
però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili _
_ Bertolt Brecht, In morte di Lenin _

 

Gli amici di Radio Civita InBlu!

Lenola si allea con Fondi e Monte San Biagio per promuovere le bellezze delle ‘Terre di Confine’

 “L’obiettivo di questa iniziativa è quella di dare valore e futuro alle realtà produttive, ricettive, ai ristoratori e a tutte le associazioni che da anni si spendono quotidianamente per far conoscere le bellezze, le ricchezze naturalistiche, le tradizioni storiche, il folklore, le specialità enogastronomiche e la proverbiale ospitalità della comunità di Lenola. Farlo da oggi insieme ad altri due Comuni importanti nel comprensorio di cui facciamo parte, è il modo più efficace per provare a fare sistema, facendo crescere anche al di fuori dei confini dei nostri territori la conoscenza di quello che mettiamo a disposizione, a due passi dalle coste più belle del Tirreno”: così il Sindaco di Lenola, Fernando Magnafico, al termine dell’appuntamento di lancio della Carta del Turista ‘Terre di Confine’ 2019-2020, presentata ufficialmente nell’aula consiliare del Comune pontino .

Il primo frutto tangibile di quest’alleanza è una dispensa portatile, agile e corredata da foto e indirizzi web, grazie alla quale le 132 attività che, al momento, hanno aderito all’iniziativapotranno fornire ai loro clienti tutte le informazioni e i riferimenti a luoghi suggestivi, musei, ristoranti, negozi, prodotti tipici, chiese, lidi, B&B, ma pure a eventi, sagre e feste in programma sul territorio nei prossimi mesi. Senza dimenticare le iniziative promozionali e gli eventi ‘a tema’, con date e orari dettagliati. Una guida cartacea, che nei prossimi mesi dovrebbe diventare anche digitale e ‘sbarcare’ su Internet, per aumentare esponenzialmente il numero di potenziali avventori interessati, nel Lazio e oltre regione.

Nell’aula consiliare del Municipio lenolese erano presenti, tra gli altri, anche la presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Fondi, Rita Di Fazio, e il Delegato al Turismo del Comune di Monte San Biagio, Giuseppe Pascale, con il vice-sindaco monticellano Gianmarco Pernarella. Accanto a loro, il Delegato al Turismo e Innovazione di Lenola, Angelo Guglietta, che ha ricordato l’importanza strategica di una scelta amministrativa che “punta ad avvicinare finalmente il nostro comprensorio territoriale ad altre realtà italiane che hanno già saputo mettersi insieme per fare massa critica e potenziare in questo modo la portata dell’interesse di turisti, pellegrini e villeggianti”.

Un’altra novità del progetto a cui hanno aderito i tre Comuni pontini è la ‘Tourist Card’, che consentirà a quanti alloggeranno nel territorio di fruire in tutti gli esercizi partner di uno sconto pari almeno al 10% su acquisti, cene, alloggio. Regia sapiente dell’iniziativa è quella dell’Associazione B&B Fondi, guidata dal presidente Tommaso De Virgilio, che ha illustrato nei particolari le caratteristiche salienti del progetto ‘Terre di Confine’.

Il primo vero ‘banco di prova’ dell’iniziativa, che ha suscitato entusiasmo negli amministratori e nei rappresentanti di associazioni e attività commerciali dei tre Comuni pontini, sarà l’ormai prossima stagione estiva.

Arriva la reliquia di San Giovanni Paolo II al Villaggio Don Bosco di Formia

Un goccia del sangue di San Giovanni Paolo II, il grande Papa del XX secolo, arriverà domani, martedì 21 maggio, alle ore 20.30 al Villaggio Don Bosco di Formia, in via Appia Lato Napoli 78. Le reliquie resteranno fino a sabato 25 maggio. L’iniziativa è a cura della Parrocchia del Cuore Immacolato di Maria di Formia e del Centro Culturale San Paolo Onlus.
Tanti gli appuntamenti durante la settimana per accompagnare la preziosa reliquia del Papa Santo: mercoledì alle 19.00 la Messa con la benedizione dei bambini da 0 a 3 anni e dei loro genitori; giovedì alle 19.00 la Messa con la benedizione degli ammalati; venerdì alle 15.00 la partenza del pellegrinaggio fino a Gaeta per salire a monte Orlando verso la statua di Maria Ausiliatrice collocata dai devoti di don Bosco.

Mercoledì e giovedì alle 20.30 vi sarà la proiezione del film “Karol, Un uomo diventato Papa” insieme ad esperti. Ogni sera alle 22.45 momento di preghiera per i giovani mentre la chiesa resterà aperta ininterrottamente giorno e notte per la preghiera libera davanti a Gesù Eucaristia.

La preziosa reliquia del sangue di San Giovanni Paolo II resterà fino a sabato 25 maggio, giorno della nascita di san Pio da Pietrelcina. Alle 12.00 la Messa in via San Pietro davanti alla statua a lui dedicata, dopo la quale vi sarà il saluto alla reliquia.
Il parroco don Mariano Salpinone afferma: “Approfittiamo di questa occasione di grazia per riprendere vigore e continuare il sentiero tracciato nel mondo da questo grande papa per costruire la Civiltà dell’amore”.
Info su www.donboscoformia.it o su Facebook.