Formia, Gaeta e Minturno hanno una “panchina”rossa a cura della FIDAPA BPW di Formia Gaeta Minturno

Da questa mattina a Formia in Piazza Vittoria, da domani a Gaeta in Piazza Goliarda Sapienza e dal 30 novembre a Scauri in Piazza Rotelli ci sarà una panchina rossa simbolo ormai in tutta Italia dello spazio idealmente occupato dalla presenza delle donne cadute vittime di violenza.

L’iniziativa, curata dalla FIDAPA BPW di Formia-Gaeta-Minturno, con il sostegno delle tre amministrazioni comunali, è partita oggi a Formia, dove ad anticpare l’inaugurazione, c’è stata una convention nella sala Ribaud del Comune di Formia.

Alla presenza del Sindaco Paola Villa, del Vicesindaco e assessore alla cultura Carmina Trillino, dell’assessore Alessandra Lardo, e degli studneti della classe gterza della scuola secondaria di primo grado V.Pollione, si sono susseguiiti gli interventi di esponenti della Polizia di Stato di Formia, ovvero l’Ispettore Superiore Giuseppe Treglia e l’assistente Capo Antonella Forcina, e di operatori medici come quello della psicologa e psicoterapeuta Daniela Pirro.

La Polizia di Stato si è detta onorata di prendere parte a un incontro sulla violenza di genere che loro trattano quotidianamente, come oggetto di tante notizie infauste e che li coinvolge e li motiva ad adoperarsi per lavorare in attività investigative e anche di assistenza.

“Importante riflettere, arricchire ed offrire altri spunti sul fenomeno della violenza che richiede la sensibilità di tutti, degli operatori sociali, clinici, giudiziari, e anche politici” ci ha tenuto a precisare nel suo intervento la dottoressa Daniela Pirro, la quale ha raccontato dell’esperienza della Cooperativa Sociale Spazio Incontro, da trent’anni impegnata sul territorio con la mission del contrasto alla violenza partendo dal mondo dell’infanzia e arrivando a quello femminile.

Questo momento di riflessione continuerà domani (24 novembre 2019) a Gaeta prima presso il “Pala-Geberit” in Piazza Mons. Di Liegro e poi in Piazza “Goliarda Sapienza”. Qui a promuovere l’iniziativa, insieme alla FIDAPA BPW di Formia Gaeta Minturno, con l’intento di onorare la memoria di quelle persone che non ci sono più e con il fine di riconoscere l’entità e l’urgenza del fenomeno”, l’assessorato alle pari opportunità, rappresentato da Lucia Maltempo, il comitato Pari opportunità nella persona di Carla Casale e l’associazione “Abbelliamo Gaeta”.

Soddisfatta dell’appoggio ottenuto dalle proprie socie e dalle amministrazioni comunali coinvolte Mariella Saponaro Presidente della FIDAPA, secondo la quale la panchina rossa rappresenta la volontà di dare voce a chi non ha più voce e di stimolare le giovani generazioni ad una presa di coscienza che solo la cultura può regalare con l’educazione al rispetto, al riconoscimento ed al superamento di comportamenti sessisti.

Esondazione del lago di Fondi, Il vicesindaco di Monte San Biagio Arcangelo Di Cola presenta un esposto

Ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e denunciare alle autorità preposte – organi di Polizia e magistratura – le gravi omissioni registratesi in materia di tutela ambientale, chiedendo esplicitamente una indagine in merito alle eventuali responsabilità da parte degli enti preposti a tale compito e, nel caso specifico, da parte del Consorzio di Bonifica del Sud pontino e dell’Agro pontino.

Zona di Pantano grande allagata

A Monte San Biagio, è stato il vicesindaco del Comune, Arcangelo Di Cola a depositare, ieri mattina, presso il Commissariato di Polizia di Fondi, un dettagliato esposto sulla mancata manutenzione degli argini del lago di Fondi, da parte, appunto, del Consorzio di Bonifica.

Nella denuncia, il vicesindaco Di Cola, nell’esprimere il proprio rammarico e la preoccupazione dell’intera amministrazione comunale per quanto verificatosi, nelle ultime settimane, nel territorio di Monte San Biagio, sottolinea come “a seguito delle forti piogge che, come il resto d’Italia, hanno interessato anche la nostra zona, il Lago di Fondi è esondato ricoprendo gran parte dei terreni limitrofi e causando ingenti danni alle colture, agli allevamenti ed all’intero patrimonio ambientale. Una situazione che, a tutt’oggi, nonostante le piogge siano meno intense, non è cambiata”.

Arcangelo Di Cola
Arcangelo Di Cola

Ma in particolare, scrive il dottor Di Cola, “la mia attenzione si è concentrata sull’attività del Consorzio di Bonifica e se, negli ultimi anni, l’Ente abbia effettivamente fatto il possibile, come da impegno e finalità istituzionali, per assicurare un dignitoso servizio di prevenzione e di manutenzione dei canali e degli argini del lago di Fondi”.

Prosegue il vicesindaco: “Con mio grande stupore e disappunto, ho dovuto invece constatare che, sia il commissario straordinario Sonia Ricci, che il direttore generale Natalino Corbo, disertano, da lungo tempo, il distaccamento di Fondi del Consorzio di Bonifica, nonostante parte del loro appannaggio derivi proprio dalle casse del suddetto Consorzio, o meglio dalle tasche dei contribuenti del sud pontino, venendo meno, in tal modo, al loro ruolo di indirizzo e di guida di un Ente di primaria importanza per un territorio come il nostro, a forte vocazione agricola”.

Di Cola conclude quindi il suo esposto chiedendo che vengano attentamente vagliate, dagli Organi preposti, le cause di quanto accaduto e se necessario, “di verificare le eventuali responsabilità di coloro che avrebbero dovuto coordinare e programmare il corretto svolgimento delle opere di bonifica, con il necessario rafforzamento di tutte le opere idrauliche, nonché lo stato manutentivo sia degli affluenti, che degli argini del lago di Fondi”.

Concerto “Maria, Madre dell’Umanità” per i 700 anni dell’Annunziata a Gaeta

Domenica 8 dicembre a Gaeta l’arcivescovo Luigi Vari darà inizio all’anno giubilare per i 700 anni dalla fondazione del Santuario della Santissima Annunziata. L’edificio sacro è legato non solo alla storia della città di Gaeta, ma ha un riferimento alla stessa Chiesa universale, custodendo nella Cappella d’oro l’ispirazione del beato papa Pio IX di riconoscere, con dogma solenne, quanto il sensus fidei del popolo credente esprimeva: “Maria, madre del Verbo, generata e preservata dal peccato originale”.

Tra le prime iniziative dell’Anno giubilare è in programma per sabato 30 novembre alle ore 19.00 un concerto che si terrà nel Santuario dell’Annunziata, dedicato a “Maria Madre dell’umanità”. La musica e i testi delle canzoni sono di Daniele Ricci, compositore, tra l’altro, di vari brani per i complessi internazionali “Gen Rosso” e “Gen Verde” che ancora oggi si eseguono nelle Messe o nei gruppi, come, ad esempio, “Risurrezione”, “Te al centro del mio cuore”, “Vivere la vita”, “Desolata”, “Per amore”.

Con Daniele Ricci ci saranno Fatima Lucarini, attrice e cantante, e Francesco Baggetta, noto musicista, cantante e autore di canzoni di ispirazione cristiana. Sarà un’occasione per iniziare a vivere quest’anno giubilare riscoprendo l’amore di Maria Immacolata per tutti e per rinnovare l’amore verso di Lei.

Musica a scuola contro la violenza sulle donne

“La pelle del tamburo è l’unica che puoi percuotere” è lo slogan del progetto promosso dal 2012 dall’Associazione Tamburo Rosso. Il tamburo, che nella tradizione è strumento “femminile”, diventa il mezzo con cui parlare di donne, cantare di donne e recuperare la bellezza e la forza del ruolo della donna nella tradizione popolare e nella società, il tamburo e la donna sono facce di una stessa medaglia, un dualismo che li vede protagonisti di miti, storie e leggende.

Valentina Ferraiuolo Tamburo Rosso
Valentina Ferraiuolo

Il 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, alle ore 11:00 presso il Teatro Ariston di Gaeta si terrà il concerto dedicato alle scuole del territorio “Orchestra Tamburo Rosso” di e con Valentina Ferraiuolo, percussionista e musicista, promosso in collaborazione con l’IC Principe Amedeo di Gaeta grazie alla sensibilità della dirigente scolastica Maria Angela Rispoli, nell’ambito del progetto “Per chi crea” della SIAE. 

Interverrà al concerto anche la giornalista Luisa Rizzitelli, ex atleta, esperta di comunicazione, fondatrice di Assist Associazione Nazionale Atlete, di Rebel Network, rappresentante di Differenza Donna ong. Musica, danza, lettura, teatro e arti visive, un travolgente percorso che accende un faro sul ruolo della donna nella società per affermare insieme che “la pelle del tamburo è l’unica che puoi percuotere”.