Croce Rossa in cerca di materiali per i poveri di strada

La Croce Rossa Italiana – Comitato Sud Pontino, con un post su Facebook, ha comunicato l’imminente inizio del servizio su strada per assistere gli indigenti che vivono nel territorio del Lazio sud.

Anche per l’inverno 2019-2020 la CRI avvia una raccolta di vario materiale: piumoni, coperte, prodotti per l’igiene personale, accappatoi, giacconi, scarpe invernali, intimo per uomo e donna, calzettoni. La raccolta e l’assistenza ai senza fissa dimora e privi di abitazione è dedicata a Singh, un uomo morto di stenti a Formia.

Il presidente della Cri Sud Pontino Emilio Donaggio ha scritto: “Grazie per quello che farete, senza di voi non possiamo aiutarli.”

Gaeta – Emilio 3357974274

Formia – Lavinia 3357974273

Minturno – Alessio 3357974275

Castelforte – Catia 3357974267

Natale su Amazzon, Torna a Formia Famiglie a Teatro

Domenica 1 dicembre alle 17 presso la sala Iqbal Masih di Formia (via Vitruvio 342) per vivere la magia delle feste è in programma lo spettacolo NATALE SU AMAZZON della compagnia Matutateatro di Sezze. Dopo il grande successo dell’apertura, continua la stagione di teatro per ragazzi “Famiglie a teatro” promossa dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto Officine Culturali della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibact.

Natale si avvicina e sul pianeta di Amazzon tutto luccica e corre a ritmi frenetici, c’è da mandare avanti i preparativi per la festa, i capi megagalattici reclutano una banda di supereroi per la consegna dei doni, le richieste aumentano ogni minuto a raffiche di click e “aggiungi al carrello”. Il gioco si fa duro e i duri cominciano a giocare.

Capitan Amazzon e il suo aiutante Prime riusciranno a consegnare tutti i regali entro la mezzanotte del 24 dicembre? O dovranno chiedere aiuto al buon vecchio Babbo Natale? Prendendosi gioco di vizi e costumi che ci riguardano tutti, come l’acquisto compulsivo a colpi di click, lo spettacolo non rinuncia alla magica atmosfera del Natale e alla sua poesia. Ingresso 5 euro. Prenotazioni al 327 3587181.

Il convegno di solidarietà sulla Siria: dall’emergenza alla rinascita

L’associazione Gocce di Fraternità Onlus e il Circolo Culturale Cattolico San Tommaso d’Aquino di Fondi, con il Patrocinio del Comune di Fondi e il contributo 8×1000 dell’Unione Buddhista Italiana, hanno organizzato il convegno “Siria, dall’emergenza alla rinascita” il giorno 3 dicembre alle 18.00 presso il Castello Caetani di Fondi in piazza Matteotti.

La crisi in Siria si protrae da più di 8 anni ed è tra le più gravi di questo tempo. Oggi sono più di 11 milioni le persone che hanno urgente bisogno di assistenza, tra queste 5 milioni sono bambini. E la pace sembra essere una prospettiva ancora molto lontana.

L’offensiva militare nella zona nord-orientale del Paese sta costringendo alla fuga migliaia di bambini, con le loro famiglie. I bombardamenti stanno distruggendo case, scuole e presidi medici. È l’ennesimo colpo inferto a persone che da anni non conoscono altro che la guerra.

La popolazione si trova nuovamente sotto attacco e in fuga. Siamo di fronte a una tragedia umanitaria immane, con un numero di vittime in continua crescita, e una delle più grandi crisi umanitarie per quanto riguarda soprattutto i bambini.

Ed è proprio per dar voce ai bisogni degli ultimi e dei più poveri che martedì 3 dicembre 2019 alle ore 18.00, presso il Castello di Fondi (Piazza Matteotti), si terrà il convegno dal titolo “Siria, dall’emergenza alla rinascita”, momento di ascolto e conoscenza della situazione in Siria. Grazie alla testimonianza di Robert Chelhod, referente dei progetti del Movimento dei Focolari in Siria tramite l’Associazione Azione per un Mondo Unito, si potrà scoprire come un popolo martoriato da anni di guerra non perda la speranza e la voglia di ricominciare. Al convegno hanno collaborato l’associazione Gocce di Fraternità Onlus e il Circolo Culturale Cattolico San Tomaso d’Aquino di Fondi, con il Patrocinio del Comune di Fondi e il contributo 8×1000 dell’Unione Buddhista Italiana. La partecipazione è aperta a tutti.

Acqua torbida, sud pontino in difficoltà: arriva la lettera al Prefetto

Ancora la torbidità dell’acqua dei rubinetti nel sud pontino. Dopo l’ordinanza di alcuni Comuni, a seguito delle ennesime piogge. È arrivata la nota di Acqualatina che parla di “fenomeno strutturale”, spiegando come si è a lavoro per risolverlo. “Essendo la torbidità un fenomeno di origine strutturale – si legge proprio nella nota – legato alla natura intrinseca delle sorgenti, il piano di lavoro è necessariamente articolato e prevede diversi tipi di attività”.

Ma cittadini ed associazioni iniziano a non essere più disposti ad attendere. Diffusa un paio di giorni fa, la notizia di come un gruppo di associazioni locali “Coordinamento Acqua Sud Pontino, l’Associazione Cittadini per la Tutela dei Beni Comuni di Formia, l’Associazione Comunità del Lazio Meridionale e delle Isole Pontine e l’Associazione Pendolari Stazione di Minturno Scauri”, in una nota inviata a tutte le istituzioni della zona nonché tutti i sindaci che fanno parte di Acqualatina, accusano che sono costantemente violati i diritti dell’Onu, come quello del diritto alla salute e all’acqua potabile”.

Proprio l’associazione cittadini per la tutela dei beni comuni di Formia, infatti, ha preso carta e penna e ha chiamato in causa il prefetto di Latina Maria Rosa Trio. “Poniamo nuovamente alla sua cortese attenzione – scrivono nella missiva – l’estremo disagio che i cittadini del sud pontino dei Comuni di Formia, Gaeta, Castelforte, Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia e Minturno stanno subendo da oltre un mese, così come potrà evincere dalle tempestive Ordinanze del Sindaco di Formia e a fronte di tardive analisi e comunicazioni da parte del gestore Acqualatina. Nella missiva anche i disagi per via del fatto che nel territorio comunale di Formia le autobotti non sarebbero state fornite, “esasperando ancor più gli animi” spiegano nella nota. “A tal fine – concludono – Le chiediamo di intervenire”