Nuovo appuntamento a Formia con Dabar, il percorso della Chiesa di Gaeta

Venerdì 2 agosto alle ore 21.00 nell’Area Archeologica Caposele a Formia (LT), in via Porto Caposele, si terrà il secondo appuntamento di Dabar Estate 2019, il cammino dell’arcidiocesi di Gaeta per riscoprire la Parola. La parola guida della serata sarà ‘Diversità’, con lo spettacolo teatrale ‘A casa loro’ di Giulio Cavalli e Nello Scavo, regia video Alessandro Nidi.

Dabar è un cammino che vuole coinvolgere le comunità ecclesiali e civili su alcuni temi chiave del nostro tempo, come già avvenuto con gli appuntamenti che si svolti ad Ausonia, Fondi, Formia (nelle frazioni di Gianola, Maranola e Vindicio), Gaeta, Pastena e Minturno. Incontri che hanno unito riflessioni, incontri, musica, danza, spiritualità e cultura.

GIULIO CAVALLI. Scrittore, attore e giornalista. Autore e attore di teatro civile ha collaborato con Paolo Rossi, Renato Sarti e Dario Fo. Ha scritto come editorialista per Left, Fanpage.it, Il Fatto Quotidiano, l’Espresso, Linkiesta. Si occupa di criminalità organizzata con inchieste, spettacoli, conferenze e incontri nelle scuole. Ha pubblicato due romanzi per Rizzoli e Fandango.

NELLO SCAVO. Giornalista di “Avvenire”, nonché reporter internazionale e cronista giudiziario. Negli anni, ha indagato sulla criminalità organizzata e il terrorismo globale, firmando servizi da molte zone «calde» del mondo come la ex-Jugoslavia, il Sudest asiatico, i paesi dell’Urss, l’America Latina, il Corno d’Africa. Per scrivere I sommersi e i salvati di Bergoglio (Piemme, 2014) è partito per Buenos Aires, alla ricerca della verità sulle voci di presunta connivenza di Papa Francesco con le dittature sudamericane. Suo è anche La lista di Bergoglio (EMI, 2013), tradotto in più di 15 lingue. Nel 2017 ha pubblicato con Piemme Perseguitati.

Info su www.arcidiocesigaeta.it/dabar o comunicazioni@arcidiocesigaeta.it.

Ad Itri la mostra Innesto #01

Dal 3 al 9 agosto il Castello Medievale di Itri ospiterà la mostra Innesto #01: l’imprevedibile virtù della memoria. Tre installazioni di arte contemporanea che dialogano con i luoghi e la memoria storica, a cura del collettivo Innesti.

Grazie alla sensibilità e all’attenzione per il territorio da parte di Seminaria Sogninterra, si è aperto un piccolo (ma vitale) canale di collaborazione tra Maranola e Itri. Un primo esperimento che ha permesso a un gruppo di under30 di rendere il centro storico fulcro di una nuova narrazione creativa. Un vero e proprio innesto, come si usa fare spesso nelle campagne itrane. E così, come su una pianta se ne fa crescere un’altra per creare qualcosa di nuovo; allo stesso modo sulle memorie di un passato apparentemente sepolto, il collettivo ha deciso di innestare le modalità tipiche dell’arte contemporanea, già sperimentate negli anni dal Festival Biennale Seminaria Sogninterra. Ma il risultato, come per le piante, è qualcosa di completamente diverso, prodotto da e per il paese di Itri. Senza intermediari e mettendo in gioco le proprie capacità artistiche e curatoriali, il collettivo Innesti ha scelto la via della condivisione partecipata e attiva di tutti i suoi cinque membri. Un’organizzazione autonoma ma circolare, che desidera avere un riscontro attivo con la popolazione e il territorio della zona.

Ed è per questo che è stato scelto come ospite delle installazioni il Castello Medievale, da sempre custode della memoria profonda della città di Itri, simbolo di resistenza e forza: il luogo ideale da cui ripartire per fondare nuove tradizioni creative. Fil rouge di Innesto#01 è la necessità di far ri-emergere memorie e sentimenti sopiti ma costantemente presenti nell’intera comunità. Stimolare una diversa consapevolezza attraverso l’interazione con le tre installazioni site-specific. Dal groviglio di linee e forme di cui è composto il labirinto che riempie l’intera cavea del castello per entrare poi nelle sue stanze occupate da due installazioni sonore e una fotografica.

L’apertura della mostra al pubblico è fissata per il 3 agosto alle ore 21.00. Ad arricchire la serata e rafforzare il legame con altre realtà giovani e attive sul territorio è la presenza della cooperativa agricola Sete che ha deciso di investire nel recupero di vigneti abbandonati per la produzione di vino naturale. Una partecipazione che sottolinea l’attenzione per lo sviluppo di nuove pratiche perfettamente in linea con il tema della mostra. La serata si concluderà con il  live a cura di uno dei membri del collettivo, Joseph Pennacchia, che reintrerpreterà davanti agli ospiti una delle installazioni sonore della mostra.

Fondamentale è stato il sostegno di Scherzerino, sempre attento allo sviluppo sostenibile e innovativo del territorio e del Siena Kitchen&Wines Te Ke Voi?. Senza contare Mancini VittorioEdilizia CapotostoAddessi e Cardi S.r.l. che hanno fornito materiali, supporto logistico e consigli. Si ringraziano inoltre Benji’s House,Bar dello SportBix Cafè e Bar Giovenco. L’evento ha il patrocinio del Comune di Itri ed è stato realizzato con la preziosa collaborazione di Seminaria Sogninterra.

Sabato 3 Agosto ore 21.00

Castello Medievale di Itri

Live a cura di Joseph Pennacchia, ore 23.00

Ingresso gratuito

Dal 4 al 9 Agosto

apertura a cura della ProLoco Itri ogni giorno 10:00 / 13:00 – 17:00 / 20:00

Per info: Per info: https://www.facebook.com/events/460578461163786

Fuori dalle righe summer ritorna a Formia

Dopo la tappa fondana, Fuori dalle righe summer, la rassegna di letteratura e musica dal vivo promossa dall’associazione Fuori Quadro con il patrocinio della Regione Lazio, torna al mare.

Il 26 luglio all’ora del tramonto, alle 19:30, in una location magica, l’inizio del lungomare di Vindicio, uno degli appuntamenti più attesi del calendario. Ospite lo scrittore Piergiorgio Pulixi con il suo ultimo romanzo uscito per Rizzoli L’ISOLA DELLE ANIME.

IL LIBRO. Li chiamano cold case. Sono le inchieste senza soluzione, il veleno che corrompe il cuore e offusca la mente dei migliori detective. Quando vengono confinate alla sezione Delitti insoluti della questura di Cagliari, le ispettrici Mara Rais ed Eva Croce ancora non lo sanno quanto può essere crudele un’ossessione. In compenso hanno imparato quant’è dura la vita. Mara non dimentica l’ingiustizia subita, che le è costata il trasferimento punitivo. Eva, invece, vuole solo dimenticare la tragedia che l’ha spinta a lasciare Milano e a imbarcarsi per la Sardegna con un biglietto di sola andata. Separate dal muro della reciproca diffidenza, le sbirre formano una miscela esplosiva, in cui l’irruenza e il ruvido istinto di Rais cozzano con l’acume e il dolente riserbo di Croce. Relegate in archivio, le due finiscono in bilico sul filo del tempo, sospese tra un presente claustrofobico e i crimini di un passato lontano. Così iniziano a indagare sui misteriosi omicidi di giovani donne, commessi parecchi anni prima in alcuni antichi siti nuragici dell’isola. Ma la pista fredda diventa all’improvviso rovente. Il killer è tornato a colpire. Eva e Mara dovranno misurarsi con i rituali di una remota, selvaggia religione e ingaggiare un duello mortale con i propri demoni. Interrogando il silenzio inscalfibile che avvolge la sua Sardegna, Piergiorgio Pulixi spinge il noir oltre se stesso, svela le debolezze della ragione inquirente in un mondo irredimibile, in cui perfino la ricerca della verità si trasforma in una colpa.

L’AUTORE. Nato a Cagliari nel 1982, vive a Londra. Ha pubblicato Perdas de Fogu (Edizioni E/O 2008), L’albero dei Microchip (Edizioni Ambiente 2009), Donne a perdere (Edizioni E/O 2010) e la serie poliziesca iniziata con Una brutta storia (Edizioni E/O 2012) e La notte delle pantere (Edizioni E/O 2014).

A Itri la presentazione del romanzo di Simone Nardone

Si svolgerà a Itri, mercoledì 31 luglio 2019 la presentazione dell’ultimo romanzo del giornalista Simone Nardone dal titolo “Cambiamenti”.

Il giovane scrittore fondano, porta a far conoscere la sua ultima fatica letteraria. Dopo il successo della scorsa estate, quando a Itri aveva presentato il suo primo romanzo “Elisir”, mercoledì 31 luglio, con inizio alle ore 21:00 in piazza Pertini, sarà la volta di “Cambiamenti”.

Romanzo nuovo e tema nuovo. Non un thriller territoriale a sfondo esoterico, ma bensì un romanzo di genere, riflessivo, a tratti psicologico.

A moderare l’incontro ci sarà Enrico Duratorre, i saluti istituzionali saranno a cura del sindaco di Itri Antonio Fargiorgio, mentre l’autore Simone Nardone dialogherà sulle tematiche del libro con Orazio Ruggieri.

CAMBIAMENTI (StreetLib 2018)

“Luca e Giovanni si ritrovano dopo molto tempo. Hanno tante cose di cui parlare ma nulla che li distolga dal proprio presente. Mentre uno pensa al passato, l’altro è proiettato al futuro. I due, seduti in un’osteria sul lungotevere romano, si raccontano e ci raccontano delle loro vite. Lo fanno attraverso gli occhi e la penna di chi narra: un osservatore silenzioso, un protagonista in ombra”.