Gaeta, presentata la IV edizione di "Gaeta si illumina con favole di luce 2019-2020"

Quindici classiche postazioni luminose tra case, orsetti, fiori e farfalle con l’aggiunta di 15 video mapping e proiezioni artistiche e tanti eventi illumineranno la città di Gaeta dal 3 novembre al 19 gennaio per la IV edizione di “Gaeta si illumina con favole di luce 2019-2020”.

La presentazione questa mattina (18 ottobre 2019) in una conferenza stampa, che si è tenuta presso la Sala Consiliare del Comune di Gaeta alla presenza del Sindaco Cosmo Mitrano, di assessori, consiglieri, associazioni, commercianti e cittadini.

Novità di quest’anno il progetto che si pone come fine ultimo quello di legare il nome e l’immagine di Gaeta alla storia dei monumenti più importanti tra cui il Tempio di San Francesco, Palazzo De Vio, le Chiese di San Biagio e dei SS. Cosma e Damiano.

A Rendere l’idea di questa novità la trasmissione di una serie di foto, che hanno dimostrato come Gaeta non è solo storia ed enogastronomia ma anche emozioni che fanno sognare.

Il Primo Cittadino gaetano auspica in un aumento delle presenze di circa il 20% rispetto all’anno scorso.

A testimoniare la caratura nazionale e internazionale delle splendide luminarie il Presidente di Confcommercio Lazio, il quale ha evidenziato la conoscenza dell’evento, grazie anche ai social, fino in Albania.

Un messaggio forte questo per Mitrano, in quanto spinge a far crescere il progetto e dà soddisfazione a tutti coloro che hanno fortemente creduto in questa progettualità.

A Minturno, Gaeta e Sperlonga la 1^ tappa del “TOUR DEPURATORI” di Acqualatina.

Si è svolta giovedì 17 ottobre 2019, presso i depuratori di Minturno, Gaeta e Sperlonga la 1^ tappa del “Tour depuratori” , un viaggio all’interno dei principali impianti di depurazione, organizzato da Acqualatina e rivolto a Istituzioni, giornalisti e stakeholders per scoprirne i funzionamenti e le tecnologie, per entrare nel vivo del processo che trasforma le acque reflue fognarie in acque limpide e pure da reimmettere in natura.

A dare il benvenuto l’Amministratore Delegato della società, Marco Lombardi, il quale ha spiegato che la qualità delle acque depurate è un passaggio fondamentale del sistema idrico integrato e una garanzia di tutela ambientale. Per questo vengono effettuate annualmente  analisi su circa 30mila parametri sia tramite i loro  laboratori certificati che tramite quelli dell’ARPA, garantendo così la purezza delle acque e contribuendo fattivamente all’assegnazione delle uniche Bandiere Blu di tutto il litorale laziale.

Accanto all’Amministratore delegato il Consigliere di Acqualatina Alessandro Cerilli, che,  facendosi portavoce del Presidente della Spa, Lauriola, ha spiegato come sia l’incontro di ieri che quelli in advenire rientrano in un’ottica di trasparenza con la volontà di rendere maggiormente pubblico l’operato quotidiano della società.

Per il Comune di Minturno era presente il Sindaco Gerardo Stefanelli , soddisfatto dell’iniziativa in quanto questo tipo di iniziative volte alla trasparenza  il migliore antidoto alla disinformazione e ai timori più vari. Il Primo Cittadino minturnese si è detto orgoglioso dell’efficienza del depuratore di Minturno.

In rappresentanza del Comune di Gaeta l’assessore all’ambiente Felice D’Argenzio, che ha sottolineato quanto la depurazione è un tema molto delicato e sentito, specialmente nel nostro territorio, votato al turismo e che è necessario  andare oltre e sviluppare insieme dei sistemi per il riutilizzo delle acque depurate, progetto per il quale Gaeta si propone come Comune pilota.

Ad esprimere soddisfazione anche l’Assessore alla tutela del territorio di Sperlonga, Stefano D’Arcangelo per il quale ora bisogna pensare ai prossimi passi verso un percorso di economia circolare.

Presente a questa prima tappa anche Legambiente Circolo Verde Azzurro Sud Pontino con il presidente Edoardo Zonfrillo che, in passato, nel corso di un incontro casuale sul traghetto per Ventotene, avvenuto in occasione dell’arrivo della Goletta Verde, ha chiesto ad Acqualatina di farsi promotrice di un Open Day dei depuratori come da tempo istituito dalla Sogin per il decommissioning delle centrali nucleari.

Nelle prossime settimane i tour proseguiranno nel resto del territorio dell’ATO4 – Lazio meridionale.

Formia, l’Istituto Comprensivo Pollione presenta il progetto Erasmus Plus dal titolo “"Games Always Make Everyone Smart. The culture of inclusion in European citizenship: by playing we include".

L’Istituto Comprensivo Pollione di Formia, con un punteggio 91/100, unica scuola della Provincia di Latina ad essere entrata nel progetto Erasmus Plus dal titolo “Games Always Make Everyone Smart. The culture of inclusion in European citizenship: by playing we include”.

Il progetto è stato presentato giorni fa presso la sala Sicurezza del Comune di Formia alla presenza del Sindaco Paola Villa, l’assessore alla Scuola e alla Formazione Alessandra Lardo, il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Vitruvio Pollione”, Annunziata Marciano, la d.ssa Annalisa Attento dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e una delegazione di docenti del Pollione.

Alla dirigente Annunziata Marciano il compito di presentare il progetto che coinvolge l’Istituto nello sviluppo della coscienza europea e delle strategie di inclusione sempre in chiave europea attraverso il confronto e lo scambio pedagogico e culturale con le scuole delle nazioni partner: Portogallo, Grecia, Polonia, Romania e Croazia.

Le attività, centrate sul gioco e sul metodo ludico, verteranno su giochi tradizionali, giochi che raccontano la storia e la geografia dei Paesi partner,  giochi di ruolo,  videogiochi e culmineranno in Croazia, dove si svolgeranno i “Giochi senza frontiere”.

I partner (Portogallo, Grecia, Polonia, Romania e Croazia) – una delegazione di 15 docenti e 30 studenti – saranno accolti a Formia dal 5 al 10 dicembre. E saranno coinvolte anche le famiglie, che hanno dato la massima disponibilità all’accoglienza degli studenti.

A plaudire all’Istituto Comprensivo V. Pollione di Formia per il coordinamento ottenuto e per il punteggio riconosciuto che attesta la validità del progetto la dott.ssa Annalisa Attento dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, la quale ha anche evidenziato il valore dei progetti Erasmus e dell’impegno dei docenti coinvolti sia nelle attività, sia nell’assunzione di responsabilità nei viaggi e l’importanza del progetto negli aspetti dell’accordo di rete in dimensione europea, dell’internazionalizzazione, dell’espansione culturale pedagogica che determina nello scambio interculturale e plurale.

Massima disponibilità è stata offerta dall’amministrazione comunale di Formia, infatti sia il Sindaco Paola Villa che l’assessore Alessandra Lardo ci hanno tenuto a precisare di quanto sia bella la base del progetto ‘Giocando includiamo’ che come metodologia d’insegnamento utilizza il gioco, ed è la più apprezzata da tutti i ragazzi, i quali si sentono messi in contatto con nuove esperienze e culture”. 

Formia, il coordinamento Lega giovani chiede un consiglio comunale dei giovani.

Il settore dei giovani, un settore strategico, non è giustamente valorizzato a Formia ha affermato, nei giorni scorsi, Ivan d’Urso, coordinatore della Lega giovani di Formia.

Un settore, invece, importante e che dovrebbe essere trattato nei consigli comunali della città al fine di ravvivare il senso civico, combattere il clima di apatia e scetticismo verso il mondo politico, avere dei cittadini responsabili e formati su ciò che concerne la vita pubblica dovrebbe essere la stella polare dei rappresentanti dei cittadini che governano il territorio, non solo a Formia, ma in ogni zona d’Italia.

Per questo Ivan D’urso , affiancato da Massimo Giovanchelli, responsabile scuola lega giovani Formia e Nicola Paone, responsabile stampa, propone l’introduzione del Consiglio Comunale dei ragazzi con la finalità di promuovere la partecipazione dei giovani alla vita politica e amministrativa, educare i ragazzi alla rappresentanza democratica e all’impegno civico, proporre idee e predisporre progetti utili alla comunità da sottoporre all’amministrazione comunale, per far vivere ai ragazzi un’esperienza formativa che li renda protagonisti della vita democratica del territorio.

Pertanto i tre esponenti della Lega di Formia chiedono all’attuale amministrazione di dare ascolto alla proposta e si attendono una risposta positiva.