La fiducia diventa un libro e sarà presentato a Gaeta

Trust this book – Un gioco sulla fiducia di Ecolojoy”, dopo il suo debutto bolognese, è pronto per continuare il suo viaggio giovedì 12 dicembre alle ore 18 nell’Ex Chiesa di San Giovanni Della Porta, a Gaeta. Il libro, nato in seno al progetto Ecolojoy e in collaborazione con la Collana Il Girovago (Edizioni Nuova S1), vuole essere un mezzo efficace e leggero per affrontare il tema – più che mai attuale – della fiducia in modo giocoso e coinvolgente, ponendosi a metà strada tra un esperimento sociale, un esercizio di creatività e la sfida a sperimentare una delle ipotesi della fisica quantistica legata al potere dell’intenzione di concorrere alla creazione della realtà. 

Nato da un’idea della counselor e biologa Anna Carla Scesi “Trust this book”, scritto in un’unica versione con testi sia in italiano sia in inglese, invita il suo proprietario a diffondere una propria riflessione sulla fiducia, affidando successivamente il libro nelle mani di un’altra persona che sceglierà con cura e che, a sua volta, farà lo stesso con un’altra.  Arrivato a dodici passaggi il libro sarà pronto, grazie al suo ultimo scrittore, per tornare al primo proprietario, carico di pensieri, energia e suggestioni del viaggio percorso. L’obiettivo è creare un circolo virtuoso di persone che arricchiscano man mano ogni pagina con un pensiero, disegno, fotografia o domanda su questo determinante e prezioso sentimento morale.

Il proprietario del libro, infatti, compilerà la prima pagina con i suoi dati personali indicando il contatto per la restituzione, decidendo anche il tempo massimo per cui ogni persona potrà tenerlo tra le mani prima di passarlo a un’altra: da 15 minuti fino a un mese. “Trust this book” è un libro che vuole viaggiare, quindi, di mano in mano e di luogo in luogo, chiamando all’appello un principio di fisica quantistica basato sul potere dell’intenzione di creare un campo di coerenza secondo il quale le frequenze di pensieri, sentimenti e credenze potrebbero essere in grado di influenzare concretamente la vita e la realizzazione di eventi nel “qui e ora”. Funzionerà? Secondo i suoi ideatori non resta che provare, e iniziare a… giocare.

Il libro sarà presentato nella splendida cornice della ex Chiesa di San Giovanni della Porta. Presenti per l’occasione, oltre all’autrice, il curatore del testo Lorenzo Cimmino nonché co-fondatore di Ecolojoy, e la moderatrice Pina Sciarra. “Vogliamo migliorare il mondo, inventando giochi. Quindi una cosa seria…” hanno affermato all’unisono i due ideatori di “Trust this book”, che è già acquistabile on line sul sito www.nuovas1.it e sui principali portali di libri, oppure ordinabile in ogni libreria d’Italia.

CHI È ECOLOJOY
Ecolojoy è un progetto di Lorenzo Cimmino e Anna Carla Scesi, nato con lo scopo di promuovere il processo di empowerment dell’individuo attraverso la creazione di prodotti ed eventi ludici. Il gioco diventa quindi il veicolo ideale per affrontare tematiche complesse, umane e sociali, in maniera efficace, leggera e coinvolgente. Per questo motivo, il motto di Ecolojoy è: “Play together, rise yourself” (Gioca insieme agli altri, eleva te stesso). “Ecologioia, trasformato poi in inglese per dare un respiro internazionale al progetto, è un neologismo che descrive il nostro concetto di ecologia della mente”, hanno spiegato Cimmino e Scesi: “Trasformiamo lo smog psicologico in un ambiente arioso, di responsabilità individuale e divertimento collettivo. Inventiamo libri interattivi, eventi e giochi. Divertendoci come pazzi”. Info su www.ecolojoy.net.

Santa Barbara 2019, Le celebrazioni a Latina e Gaeta - FOTO/VIDEO

Per la prima volta nella provincia di Latina i Vigili del Fuoco e la Capitaneria di Porto hanno festeggiato insieme, Santa Barbara, patrona della Marina Militare e dei Vigili del fuoco. Ieri a Latina monsignor Mariano Crociata, vescovo della diocesi di Latina – Terracina – Sezze – Priverno, ha celebrato la festività di Santa Barbara nella Cattedrale di San Marco a Latina alla presenza delle autorità civili e militari. L’idea di una celebrazione unificata è stata fortemente sostenuta dal Capo Compartimento marittimo di Gaeta, Federico Giorgi, e dal Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, Clara Modesto.

Per la Marina Militare hanno partecipato numerosi militari della Guardia Costiera in servizio presso gli uffici locali della provincia di Latina e personale del Centro Sportivo Remiero di Sabaudia. Ad esprimere vicinanza ai marinai e ai vigili del fuoco, il prefetto Maria Rosa Trio, il sindaco di Latina Damiano Coletta, il neo questore di Latina Luca Vattani, sindaci e amministratori comunali della provincia, nonché le massime autorità provinciali delle Forze Armate, delle Forze di Polizia, dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia e delle Associazioni Combattentistiche e D’Arma. Significativa anche la presenza di un gruppo di ragazzi dell’Istituto Nautico “Giovanni Caboto” di Gaeta.

Il vescovo di Latina Mariano Crociata ha ricordato nella propria omelia il martirio ed il coraggio di santa Barbara, che preferì sacrificare la propria vita piuttosto che rinunciare alla sua scelta di fede. Durante l’offertorio, marinai e vigili del fuoco hanno condotto simbolicamente all’altare le attrezzature con cui svolgono ogni giorno il loro lavoro per garantire la sicurezza e la serenità collettiva, ovvero elmi e salvagenti.

Mons. Mariano Crociata, Vescovo di Latina

Al termine della celebrazione, dopo avere ricordato i propri caduti in servizio sia a terra che in mare, il comandante Clara Modesto ed il comandante Federico Giorgi hanno entrambi sottolineato l’importanza di condividere questa cerimonia, richiamando valori comuni quali la solidarietà, lo spirito di servizio e la fede, principi fondamentali grazie ai quali vigili del fuoco e marinai possono affrontare meglio i pericoli ed i rischi delle loro professioni.

Clara Modesto – Foto: IlCaffe.tv

Il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Latina, l’ingegnere Clara Modesto, il Funzionario di Guardia e una rappresentanza del personale operativo si sono recati alle 9.30 al cimitero di Latina in ricordo dei colleghi caduti in servizio per deporre una corona al monumento di Giuliano Carturan, vigile del fuoco ausiliario di leva caduto nell’assolvimento del dovere durante il proprio servizio che stava svolgendo presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Latina.

Federico Giorgi Gaeta
Federico Giorgi, Capitaneria di Porto di Gaeta

Anche la città di Gaeta ha ricordato la figura di santa Barbara, Patrona della Marina Militare e del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. La solenne funzione religiosa è stata officiata ieri, giovedì 5 dicembre, dall’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo e dei Santi Erasmo e Marciano.

Mons. Luigi Vari, Arcivescovo di Gaeta

Tra gli altri, erano presenti il Vice Sindaco di Gaeta Angelo Magliozzi, il Procuratore Capo di Cassino Luciano D’Emmanuele, i rappresentanti dei Comandi delle Forze Armate e di Polizia locali, una nutrita rappresentanza dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia – Sezione di Gaeta e delle Associazioni Combattentistiche e D’Arma. Significativa anche la partecipazione delle principali categorie del settore marittimo, dai servizi tecnico nautici, agli agenti marittimi, alle associazioni balneari e della pesca, ai circoli nautici e velici.

Cattedrale di Gaeta, 5 dicembre 2019 – Messa di Santa Barbara 2019 – Fonte: AIG Gaeta

Presente anche l’Istituto Nautico “Giovanni Caboto” di Gaeta con il proprio labaro ed un gruppo di allievi. Al termine della celebrazione eucaristica, il Comandante della Capitaneria di porto di Gaeta Federico Giorgi ha sottolineato l’importanza della sinergia e dell’unione di intenti tra tutte le Istituzioni e le Forze di polizia del Territorio, chiamate quotidianamente a prestare il proprio servizio a favore della collettività.

Cattedrale di Gaeta, 5 dicembre 2019 – Messa di Santa Barbara 2019
Ringraziamento del Capitano Federico Giorgi
Fonte: AIG Gaeta

Le celebrazioni si sono quindi concluse presso la Base Navale Pol-Nato di Gaeta, dove il Capitano di Fregata (CP) Federico Giorgi ed il Capitano di Corvetta Francesco Brengola hanno presieduto una assemblea congiunta di tutto il Personale militare e civile della Capitaneria di porto di Gaeta e della Base, con la lettura dei messaggi augurali pervenuti dai vertici di Forza Armata in occasione della Festività di Santa Barbara.

Dove sono dislocati i Vigili del Fuoco di Latina?

Il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Latina è attualmente strutturato su cinque sedi di servizio distribuite nel territorio provinciale: Latina, Aprilia, Terracina, Gaeta (in ambito terrestre e portuale) e Castelforte. In occasione del periodo estivo, a seguito di specifica convenzione tra l’Amministrazione Centrale e la Regione Lazio ed al fine di poter fronteggiare le esigenze legate alla campagna incendi boschivi, sono stati attivati i presidi di Sabaudia, Sonnino Fondi e Ponza, mentre la sede di Latina è stata potenziata con un’ulteriore squadra denominata Ventotene.

Nel 2019 quali sono state le attività dei Vigili del Fuoco di Latina?

Svolgono servizio presso le sedi del Comando di Latina 295 unità fra personale operativo e personale amministrativo: 250 unità sono gli operativi che svolgono servizio su quattro turni. Nel 2019 si sono avuti 9783 interventi di soccorso (in aumento del 4% rispetto al 2018), 1973 interventi per incendi boschivi (in aumento del 5% rispetto al 2018 di circa il 5) e 45031 chiamate al 115 (in linea con il 2018 che ha registrato 45317 chiamate).Per quanto riguarda l’attività di Prevenzione Incendi, sono state esaminate 1703 (circa il 20% in più rispetto al 2018).Per quanto riguarda i servizi di vigilanza antincendi, nell’anno 2019 sono state espletate 160 servizi presso attività di pubblico spettacolo (impianti sportivi di Latina e Fondi; teatri di Latina, Aprilia e Gaeta; Fiera di Campoverde), e 353 assistenze presso il porto di Gaeta.

E quanta formazione?

La formazione, rivolta al personale operativo e amministrativo, ha riguardato 188 unità per un totale di 4700 ore, in netto aumento rispetto allo scorso anno. La formazione esterna, rivolta a coloro i quali devono assolvere gli obblighi in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro, ha superato le 450 unità (in calo rispetto allo scorso anno)

E le attività di Polizia Giudiziaria?

Un focus sulla attività di Polizia Giudiziaria in netto aumento rispetto all’anno precedente:

  • 40 attività di Polizia Giudiziaria su delega delle Procure della Repubblica di Latina e di Cassino;
  • 20 attività investigative nella ricerca delle cause di incendio o esplosioni di cui 8 su delega specifica della Procura;
  • 34 esposti /denuncia di cui 26 nei luoghi di lavoro;
  • 250 accessi nelle attività lavorative;
  • 80 accertamenti di Polizia Giudiziaria nella attività di controllo della prevenzione incendi;
  • 160 prescrizioni impartite;
  • 96 notizie di reato di cui 37 contro ignoti per causa di incendio;
  • 62 notizie di reato di cui 49 procedimenti ai sensi del DLGS 758/94.

L’organizzazione della Guardia Costiera

La festa di Santa Barbara è anche l’occasione per un primo bilancio del 2019, che ha visto la Guardia Costiera impegnata sul vasto territorio costiero della Provincia di Latina – con i suoi Uffici periferici di Gaeta, Formia, Scauri, Ponza, Ventotene, Terracina, Sabaudia e San Felice Circeo – per garantire la salvaguardia della vita umana in mare e la tutela dell’ambiente ambiente marino. Non sono mancanti momenti difficili, soprattutto nel recente periodo caratterizzato da condizioni metereologiche e del mare particolarmente avverse: sia Vigili del Fuoco che Marinai sono stati messi alla prova duramente, superando le difficoltà con l’addestramento e la consueta preparazione professionale, ma anche con l’indispensabile supporto e la vicinanza di tutte le Istituzioni del Territorio.

I numeri delle attività 2019 della Guardia Costiera

Da gennaio 2019, sono stati oltre quindicimila i controlli svolti dai militari della Guardia Costiera nelle provincie di competenza di Latina e Frosinone. Dopo tanta attività preventiva ed educativa, svolta soprattutto nei mesi invernali, sono stati eseguiti fino ad oggi oltre 15.000 controlli, con l’elevazione di 22 notizie di reato ed oltre 800 sanzioni amministrative, soprattutto in campo di vigilanza ambientale, corretto utilizzo delle spiagge e del demanio marittimo, sicurezza della navigazione e tutela della filiera della pesca. In mare, le unità navali del Compartimento marittimo in attività di pattugliamento e soccorso hanno percorso oltre 7000 miglia nautiche, portando a termine circa 150 soccorsi e prestando assistenza a 157 persone in difficoltà.

Formia, Gaeta e Minturno hanno una “panchina”rossa a cura della FIDAPA BPW di Formia Gaeta Minturno

Da questa mattina a Formia in Piazza Vittoria, da domani a Gaeta in Piazza Goliarda Sapienza e dal 30 novembre a Scauri in Piazza Rotelli ci sarà una panchina rossa simbolo ormai in tutta Italia dello spazio idealmente occupato dalla presenza delle donne cadute vittime di violenza.

L’iniziativa, curata dalla FIDAPA BPW di Formia-Gaeta-Minturno, con il sostegno delle tre amministrazioni comunali, è partita oggi a Formia, dove ad anticpare l’inaugurazione, c’è stata una convention nella sala Ribaud del Comune di Formia.

Alla presenza del Sindaco Paola Villa, del Vicesindaco e assessore alla cultura Carmina Trillino, dell’assessore Alessandra Lardo, e degli studneti della classe gterza della scuola secondaria di primo grado V.Pollione, si sono susseguiiti gli interventi di esponenti della Polizia di Stato di Formia, ovvero l’Ispettore Superiore Giuseppe Treglia e l’assistente Capo Antonella Forcina, e di operatori medici come quello della psicologa e psicoterapeuta Daniela Pirro.

La Polizia di Stato si è detta onorata di prendere parte a un incontro sulla violenza di genere che loro trattano quotidianamente, come oggetto di tante notizie infauste e che li coinvolge e li motiva ad adoperarsi per lavorare in attività investigative e anche di assistenza.

“Importante riflettere, arricchire ed offrire altri spunti sul fenomeno della violenza che richiede la sensibilità di tutti, degli operatori sociali, clinici, giudiziari, e anche politici” ci ha tenuto a precisare nel suo intervento la dottoressa Daniela Pirro, la quale ha raccontato dell’esperienza della Cooperativa Sociale Spazio Incontro, da trent’anni impegnata sul territorio con la mission del contrasto alla violenza partendo dal mondo dell’infanzia e arrivando a quello femminile.

Questo momento di riflessione continuerà domani (24 novembre 2019) a Gaeta prima presso il “Pala-Geberit” in Piazza Mons. Di Liegro e poi in Piazza “Goliarda Sapienza”. Qui a promuovere l’iniziativa, insieme alla FIDAPA BPW di Formia Gaeta Minturno, con l’intento di onorare la memoria di quelle persone che non ci sono più e con il fine di riconoscere l’entità e l’urgenza del fenomeno”, l’assessorato alle pari opportunità, rappresentato da Lucia Maltempo, il comitato Pari opportunità nella persona di Carla Casale e l’associazione “Abbelliamo Gaeta”.

Soddisfatta dell’appoggio ottenuto dalle proprie socie e dalle amministrazioni comunali coinvolte Mariella Saponaro Presidente della FIDAPA, secondo la quale la panchina rossa rappresenta la volontà di dare voce a chi non ha più voce e di stimolare le giovani generazioni ad una presa di coscienza che solo la cultura può regalare con l’educazione al rispetto, al riconoscimento ed al superamento di comportamenti sessisti.

Concerto “Maria, Madre dell’Umanità” per i 700 anni dell’Annunziata a Gaeta

Domenica 8 dicembre a Gaeta l’arcivescovo Luigi Vari darà inizio all’anno giubilare per i 700 anni dalla fondazione del Santuario della Santissima Annunziata. L’edificio sacro è legato non solo alla storia della città di Gaeta, ma ha un riferimento alla stessa Chiesa universale, custodendo nella Cappella d’oro l’ispirazione del beato papa Pio IX di riconoscere, con dogma solenne, quanto il sensus fidei del popolo credente esprimeva: “Maria, madre del Verbo, generata e preservata dal peccato originale”.

Tra le prime iniziative dell’Anno giubilare è in programma per sabato 30 novembre alle ore 19.00 un concerto che si terrà nel Santuario dell’Annunziata, dedicato a “Maria Madre dell’umanità”. La musica e i testi delle canzoni sono di Daniele Ricci, compositore, tra l’altro, di vari brani per i complessi internazionali “Gen Rosso” e “Gen Verde” che ancora oggi si eseguono nelle Messe o nei gruppi, come, ad esempio, “Risurrezione”, “Te al centro del mio cuore”, “Vivere la vita”, “Desolata”, “Per amore”.

Con Daniele Ricci ci saranno Fatima Lucarini, attrice e cantante, e Francesco Baggetta, noto musicista, cantante e autore di canzoni di ispirazione cristiana. Sarà un’occasione per iniziare a vivere quest’anno giubilare riscoprendo l’amore di Maria Immacolata per tutti e per rinnovare l’amore verso di Lei.