Ad Itri la mostra Innesto #01

Dal 3 al 9 agosto il Castello Medievale di Itri ospiterà la mostra Innesto #01: l’imprevedibile virtù della memoria. Tre installazioni di arte contemporanea che dialogano con i luoghi e la memoria storica, a cura del collettivo Innesti.

Grazie alla sensibilità e all’attenzione per il territorio da parte di Seminaria Sogninterra, si è aperto un piccolo (ma vitale) canale di collaborazione tra Maranola e Itri. Un primo esperimento che ha permesso a un gruppo di under30 di rendere il centro storico fulcro di una nuova narrazione creativa. Un vero e proprio innesto, come si usa fare spesso nelle campagne itrane. E così, come su una pianta se ne fa crescere un’altra per creare qualcosa di nuovo; allo stesso modo sulle memorie di un passato apparentemente sepolto, il collettivo ha deciso di innestare le modalità tipiche dell’arte contemporanea, già sperimentate negli anni dal Festival Biennale Seminaria Sogninterra. Ma il risultato, come per le piante, è qualcosa di completamente diverso, prodotto da e per il paese di Itri. Senza intermediari e mettendo in gioco le proprie capacità artistiche e curatoriali, il collettivo Innesti ha scelto la via della condivisione partecipata e attiva di tutti i suoi cinque membri. Un’organizzazione autonoma ma circolare, che desidera avere un riscontro attivo con la popolazione e il territorio della zona.

Ed è per questo che è stato scelto come ospite delle installazioni il Castello Medievale, da sempre custode della memoria profonda della città di Itri, simbolo di resistenza e forza: il luogo ideale da cui ripartire per fondare nuove tradizioni creative. Fil rouge di Innesto#01 è la necessità di far ri-emergere memorie e sentimenti sopiti ma costantemente presenti nell’intera comunità. Stimolare una diversa consapevolezza attraverso l’interazione con le tre installazioni site-specific. Dal groviglio di linee e forme di cui è composto il labirinto che riempie l’intera cavea del castello per entrare poi nelle sue stanze occupate da due installazioni sonore e una fotografica.

L’apertura della mostra al pubblico è fissata per il 3 agosto alle ore 21.00. Ad arricchire la serata e rafforzare il legame con altre realtà giovani e attive sul territorio è la presenza della cooperativa agricola Sete che ha deciso di investire nel recupero di vigneti abbandonati per la produzione di vino naturale. Una partecipazione che sottolinea l’attenzione per lo sviluppo di nuove pratiche perfettamente in linea con il tema della mostra. La serata si concluderà con il  live a cura di uno dei membri del collettivo, Joseph Pennacchia, che reintrerpreterà davanti agli ospiti una delle installazioni sonore della mostra.

Fondamentale è stato il sostegno di Scherzerino, sempre attento allo sviluppo sostenibile e innovativo del territorio e del Siena Kitchen&Wines Te Ke Voi?. Senza contare Mancini VittorioEdilizia CapotostoAddessi e Cardi S.r.l. che hanno fornito materiali, supporto logistico e consigli. Si ringraziano inoltre Benji’s House,Bar dello SportBix Cafè e Bar Giovenco. L’evento ha il patrocinio del Comune di Itri ed è stato realizzato con la preziosa collaborazione di Seminaria Sogninterra.

Sabato 3 Agosto ore 21.00

Castello Medievale di Itri

Live a cura di Joseph Pennacchia, ore 23.00

Ingresso gratuito

Dal 4 al 9 Agosto

apertura a cura della ProLoco Itri ogni giorno 10:00 / 13:00 – 17:00 / 20:00

Per info: Per info: https://www.facebook.com/events/460578461163786

A Itri la presentazione del romanzo di Simone Nardone

Si svolgerà a Itri, mercoledì 31 luglio 2019 la presentazione dell’ultimo romanzo del giornalista Simone Nardone dal titolo “Cambiamenti”.

Il giovane scrittore fondano, porta a far conoscere la sua ultima fatica letteraria. Dopo il successo della scorsa estate, quando a Itri aveva presentato il suo primo romanzo “Elisir”, mercoledì 31 luglio, con inizio alle ore 21:00 in piazza Pertini, sarà la volta di “Cambiamenti”.

Romanzo nuovo e tema nuovo. Non un thriller territoriale a sfondo esoterico, ma bensì un romanzo di genere, riflessivo, a tratti psicologico.

A moderare l’incontro ci sarà Enrico Duratorre, i saluti istituzionali saranno a cura del sindaco di Itri Antonio Fargiorgio, mentre l’autore Simone Nardone dialogherà sulle tematiche del libro con Orazio Ruggieri.

CAMBIAMENTI (StreetLib 2018)

“Luca e Giovanni si ritrovano dopo molto tempo. Hanno tante cose di cui parlare ma nulla che li distolga dal proprio presente. Mentre uno pensa al passato, l’altro è proiettato al futuro. I due, seduti in un’osteria sul lungotevere romano, si raccontano e ci raccontano delle loro vite. Lo fanno attraverso gli occhi e la penna di chi narra: un osservatore silenzioso, un protagonista in ombra”.

Maria Grand Trio ad Itri per il terzo appuntamento del Jazzflirt festival

CULTURA: Entra nel vivo la quindicesima edizione del JazzFlirt festival di Formia. Dopo i primi due apprezzatissimi concerti – Pipe Dream e L’Orchestra Giovanile del Lazio diretta da Mario Raja con apen act del DAB trio – il cartellone si concentra sugli ultimi due appuntamenti, che rappresentano il focus tematico dell’intero programma. Quasi un festival nel festival, inteso a celebrare la straordinaria qualità del jazz al femminile.

Aprirà le danze l’atteso concerto di Maria Grand, che si terrà sabato 27 luglio nella suggestiva cornice del Museo del Brigantaggio a Itri, con ingresso gratuito. A soli ventisette anni la ginevrina sassofonista, ormai newyorkese d’adozione, è una delle voci più originali creative e interessanti della nuova scena jazzistica internazionale. Formatasi con Steve Coleman, Maria ha da subito inanellato un serie di prestigiose collaborazioni (Nicole Mitchell, Vijay Iyer, Craig Taborn, Mary Halvorson, Jen Shyu, Aaron Parks, Fay Victor, Joel Ross, solo per citarne alcune) per poi affermarsi definitivamente anche sul mercato discografico con “TetraWind”, inciso con l’ensemble DiaTribe: un EP che ha fatto gridare al miracolo la stampa specializzata di mezzo mondo.

L’anno scorso, poi, ha inciso l’eccezionale “Magdalena”, un album di rara intensità dedicato ad alcune delle più iconiche figuri femminili della storia. Nel 2018 è stata votata come miglior artista emergente dal referendum di JazzTimes,  e nominata Musicista dell’Anno dalla Jazz Journalist Association.  Oltre alla sua attività di sassofonista, compositrice e didatta, Maria è anche un’attivista, essendo membro fondatore del collettivo anti-discriminazione We Have Voice.

Maria Grand si presenta alla testa del suo eccezionale trio, completato da Linda May Han Oh e Savannah Harris.

Linda, ormai stabilmente nei primissimi posti dei referendum di mezzo mondo, è una formidabile contrabbassista (ma non disdegna il basso elettrico). Nata in Malesia, cresciuta a Perth, in Australia, dove ha completato il primo ciclo di studi, si è poi specializzata alla Manhattan School of Music di New York, dove risiede da una decina d’anni. Oltre a essere contrabbassista del quartetto di Pat Metheny, Linda ha collaborato con alcuni dei più bei nomi del jazz mondiale (Joe Lovano, Steve Wilson, Vijay Iyer, Dave Douglas, Kenny Barron, la compianta Geri Allen, Fabian Almazan, Terri Lyne Carrington). A suo nome ha inciso cinque album. “Entry”, del 2008 (con Ambrose Akinmusire), “Initial Here” (2012), “Sun Pictures” (2013), “Walk Against Wind” (2017), e “Aventurine”, uscito poche settimane fa e già recensito entusiasticamente.

Savannah Harris, da Oakland, è figlia d’arte. Ha appreso i primi rudimenti della batteria dal papà (un pianista con la passione per i tamburi) per poi intraprendere una brillante carriera di studi che l’ha portata, da un lato, a completare i propri studi musicali; dall’altro, a laurearsi in giornalismo: Savannah, infatti, oltre a essere una delle batteriste più richieste della scena newyorkese è anche una apprezzatissima critica musicale. Su capitalbop.com potrete leggere i suoi scritti.

L’appuntamento, imperdibile, è per sabato 27 luglio ore 21,00 al Museo del Brigantaggio di Itri, con ingresso gratuito.

Comunicato Stampa

La rassegna di Fuori Quadro 'Fuori dalle righe summer' ritorna ad Itri

Secondo appuntamento all’insegna dei libri e della musica dal vivo nel cuore della città di Itri. La seconda serata letteraria promossa dall’associazione Fuori Quadro, dall’assessorato alla cultura e dalla Biblioteca di Itri nell’ambito della rassegna “Fuori dalle righe summer”.

Il 16 luglio alle ore 21:00 NATA PER TE di Luca Mercadante, che presenterà il libro, e Luca Trapanese, il testo\riflessione sul valore della paternità. Musica dal vivo con i Gymnasium Quartet e le letture a cura di Maurizio Stammati.

Il LIBRO. Una bambina che aspettava solo di essere accolta. Un quarantenne single pronto a prenderla con sé. La storia di un’adozione che ha commosso l’Italia intera, raccontata insieme a un altro padre che fatica a comprenderne le ragioni. Una riflessione dolce e incandescente sulla paternità.

GLI AUTORI. Luca Mercadante (1976) ha ricevuto la menzione speciale della Giuria della XXX edizione del Premio Calvino per il romanzo Presunzione, uscito per minimum fax, e ha pubblicato racconti su diverse riviste letterarie.

Luca Trapanese (1977) si dedica al volontariato dall’età di quattordici anni. Coordina progetti di sviluppo economico e sociale in India e in Africa. Ha fondato la onlus A Ruota Libera, punto di riferimento per le famiglie napoletane con persone disabili, ma anche comunità per ragazzi orfani e disabili, una scuola di recupero di antichi mestieri napoletani per giovani disagiati e una casa-famiglia per bambini con gravi patologie, unica in tutto il Sud Italia.