Itri, Messa dell’Arcivescovo in diretta dal Santuario della Civita

https://www.facebook.com/arcidiocesigaeta

Domenica 29 marzo alle ore 11.00 in diretta dal Santuario della Madonna della Civita in Itri (LT) sarà trasmessa la Messa presieduta dall’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari. La Messa vuole essere un segno di speranza e di preghiera alla Madonna della Civita, compatrona della Arcidiocesi di Gaeta.

La Messa sarà in diretta video sulle pagine Facebook Arcidiocesi di Gaeta e Radio Civita InBlu. La Messa potrà essere ascoltata sulle frequenze FM 90.7 (Gaeta, Formia, Minturno, Spigno Saturnia, Baia Domizia, Cellole), FM 101.0 (Fondi, Monte San Biagio e Sperlonga) e FM 103.8 Itri. La diretta in radio si potrà ascoltare in tutto il mondo in steraming su www.radiocivitainblu.it o scaricando una app per smartphone, tv, tablet e smart speaker.

La Messa sarà in diretta video su www.arcidiocesigaeta.it e www.radiocivitainblu.it, oltre che sulle pagine Facebook Arcidiocesi di Gaeta e Radio Civita InBlu.

Info sull’evento Facebook: https://www.facebook.com/events/674038233352447/

#chiciseparera

Ad Itri un San Giuseppe alternativo

Quest’anno Itri vivrà una festa di San Giuseppe diversa dal solito, a comunicarlo è il Sindaco Fargiorgio con un messaggio sulla pagina social del Comune di Itri.

San Giuseppe, una festività che nell’immaginario collettivo itrano evoca partecipazione, condivisione, voglia di stare insieme, di essere comunità.

Quest’anno i falò non verranno materialmente accesi, ma abbiamo pensato di fare qualcosa di diverso, di alternativo, eppure di ugualmente coivolgente. Staremo insieme tutti virtualmente e ciascuno potrà condividere le proprie esperienze passate e regalare agli altri ricordi, sensazioni.

Il sindaco continua nella suo nota informando come sulla pagina facebook del comune di Itri sia stato creato un evento. All’interno di questo contenitore ognuno può ognuno può postare testimonianze, aneddoti, foto e video anche delle passate edizioni. L’invito è rivolto anche ai singoli rioni che – continua il sindaco Fargiorgio – possono raccontare in un video quelle che sono le sensazioni e gli stati d’animo durante questo San Giuseppe ‘alternativo’

L’invito è per tutti gli itrani alle ore 20:00, quando un segnale, chiaro e forte, darà inizio a questa ricorrenza. Chi può invita il primo cittadino di Itri, guardì il nostro Castello medievale.

Infine Fargiorgio invita a far risuonare dalle case degli itrani l’inno di Mameli subito dopo il segnale che darà il via alla ‘festa’ e ad accendere da lasciare sul davanzale della finestra cosi da rievocare il fuoco ed esprimere il desiderio che questa delicata situazione possa risolversi positivamente il prima possibile.

Facciamo che la serata di quest’anno entri nella storia!”

Orazio Ruggieri ospite domani a "La Campanella"

Torna “La Campanella”. Domani nuovamente in onda su Radio Antenna Musica, Radio Civita in Blu e in video sulla pagina Facebook de La Campanella, delle radio e di H24notizie.com.

Orazio Ruggieri

La puntata numero 91, vedrà come ospite uno degli storici corrispondenti locali del sud della provincia, ovvero il professor Orazio Ruggieri.

Una puntata quella del 31 gennaio in cui si parlerà di passato, presente e futuro del giornalismo locale, ma che sarà occasione – come sempre – per far conoscere meglio gli ospiti del fortunato format condotto da Simone Nardone con la collaborazione di Francesco Carnevale e la regia di Lorenzo Nallo.

Dopo la prima puntata itinerante della scorsa settimana, registrata presso il Comune di Formia e che ha visto come ospite la prima cittadina Paola Villa,  “La Campanella” torna in diretta domani alle ore 19.

Al Santuario della Civita, l'arrivo dei Magi nel giorno dell'Epifania

Da 35 anni si rinnova, al Santuario mariano della Civita, in Itri, si rinnova la consolidata tradizione dell’arrivo dei Magi, in occasione della solennità dell’Epifania. L’appuntamento è fissato per le ore 10,30 di lunedì 6 gennaio, solennità dell’arrivo dei Magi alla Grotta di Betlemme e la prima manifestazione di Gesù Bambino, quale salvatore di tutta l’umanità.

Il presepe vivente itinerante parte infatti dall’ingresso del Santuario e percorrendo a piedi la grande scala che porta alla Chiesa della Madonna della Civita, costituisce parte integrante della celebrazione solenne della messa dell’Epifania. La composizione del presepe vivente itinerante è quella della Santa Famiglia di Nazaret, con genitori e bambino veri, così pure i Re Magi, i pastori e pastorelli, con gli angioletti, il tutto accompagnati da zampognari che suonano i tipici canti natalizi e poi animano la liturgia della celebrazione eucaristica. A conclusione della messa solenne il presepe vivente, nella sua composizione, riparte dalla Chiesa del Santuario e rifacendo un percorso alternativo, come quello dei Re Magi al tempo di Gesù, ritornano a Maranola.

La suggestiva iniziativa, al 35° anniversario, prese avvio nel 1986, all’indomani dell’affidamento del Santuario della Civita ai padri Passionisti dell’allora Provincia religiosa dell’Addolorata (Basso Lazio e Campania), oggi entrata a far parte dell’unica provincia religiosa dei passionisti d’Italia, Francia e Portogallo, intitolata a Maria Presentata al Tempio.

A curare l’organizzazione di tutta la manifestazione artistica ed anche religiosa sono i signori Angela e Peppino di Maranola, una frazione collinare del Comune di Formia, e tutti i personaggi sono di questa storica località, dove, per antica tradizione si svolge uno dei più rinomati ed organizzati presepi viventi di tutto il Sud Pontino.

A presenziare il rito, quest’anno, è padre Antonio Rungi, delegato arcivescovile per la vita consacrata dell’arcidiocesi di Gaeta, vice-superiore della comunità passionista di Itri-Civita, con la partecipazione dei religiosi della comunità, composta da padre Emiddio Petringa (Superiore delegato- Rettore; padre Francesco Vaccelli) di altri religiosi e di numerosi fedeli, che arrivano da varie località proprio per partecipare a questa significativa e sentita celebrazione che chiude le feste natalizie al Santuario della Civita che, come tutti gli anni, ha visto anche nel periodo di Natale di quest’anno, un afflusso consistente di fedeli da varie località d’Italia e dall’Estero, per la presenza in loco di tanti emigrati che ritornano in Italia per le feste di Natale tra i propri cari e nei propri ambienti d’origine.