Giovedì gratis al Museo: iniziativa del Polo Museale del Lazio

Nell’ambito della campagna di comunicazione per le nuove giornate gratuite dei musei, il Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli intende dedicare in tutti i musei e luoghi della cultura in consegna le giornate del giovedì nei mesi di novembre e dicembre. Otto giornate ad ingresso gratuito secondo il seguente calendario: giovedì 7, 14, 21 e 28 novembre 2019; giovedì 5, 12, 19, 26 dicembre 2019.

Nel Lazio sud sarà possibile visitare gratuitamente il museo archeologico di Formia, il museo e l’area archeologica di Sperlonga e il comprensorio archeologico di Minturnae. L’iniziativa coinvolge l’intero territorio nazionale e l’adesione varia a seconda dei musei.

Da ricordare, inoltre, la possibilità di ingresso gratuito la prima domenica del mese, da ottobre a marzo. Per info su tutti i musei che hanno aderito e le giornate straordinarie d’apertura gratuita visitare il sito iovadoalmuseo.it.

Minturno celebra la Festa dell'Unità Nazionale 2019

La città di Minturno, medaglia d’Oro al Merito Civile tra i comuni della provincia di Latina, celebra la festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Nell’invito alla cittadinanza il sindaco Gerardo Stefanelli ricorda l’eroismo dei militari che combatterono per dar vita ad un’Italia unita ed il sacrificio di coloro che si immolarono per la Patria, servendola con onore, impegno e coraggio.

Ha rinnovato i sentimenti di gratitudine nei riguardi delle Forze Armate per il loro leale impegno a difesa dei valori della Patria e delle Istituzioni democratiche, a garanzia della civile convivenza, nella libertà e nella pace.

Infine, il sindaco Stefanelli ha invitato i cittadini a riconfermare la propria fedeltà alle Istituzioni ed alla Costituzione Repubblicana ed a rendere omaggio a quanti sono caduti nell’adempimento del proprio dovere.

Domenica 10 novembre alle 10 nella chiesa dell’Annunziata a Minturno sarà celebrata una Messa in suffragio dei Caduti di tutte le guerre e di ogni parte.

Saranno deposte corone d’alloro al Sacrario dei Caduti in Minturno (ore 11,00); al Monumento ai Caduti nella Villa Comunale di Minturno (ore 11,15); al Monumento al Carabiniere di Scauri (ore 11,15); ai Monumenti agli Aviatori e ai Caduti sul fronte russo di Marina di Minturno (ore 12,00/12,15); ai Monumenti ai Caduti di Tremensuoli (ore 12,30/12,45); di Santa Maria Infante (ore 13,00) e di Tufo (ore 18,45).

"Aspettando gli Avi", torna a Minturno l'evento dedicato ai più piccoli

Dal 31 ottobre al 2 novembre, presso la Congregazione del Santissimo Rosario della Chiesa di San Pietro Apostolo in Minturno, ritorna “Aspettando gli Avi”.  Un viaggio attraverso leggende, miti, poesie e canti della tradizione aurunca, quest’anno alla sua nona edizione, ideato e curato da Anna Rita Persechino, insegnante, scrittrice e ricercatrice di fiabe, miti e leggende popolari. L’appuntamento, per non dimenticare tradizioni e riti di un tempo in cui si “festeggiavano i morti”, si ripropone, come da calendario, nella cornice autunnale di frutti, foglie e doni che rimandano ai simboli della Luce, sacra agli Avi.

I tre giorni hanno come protagonisti i bambini, ai quali saranno donati i simboli della Luce. E saranno i bambini a creare con questi la scenografia degli incontri, anche quest’anno intreccio di musica e parole.

In programma il primo novembre l’intervento di Laura Marchetti, docente di didattica Generale e delle Culture, dell’Universita degli Studi di Foggia. Lo spazio musicale verrà affidato al soprano Lucia Zonfrilli e al maestro Pietro Pannone. Voci narranti Alberto Ticconi e Anna Rita Persechino. 

Dall’apertura fino al 2 novembre, sempre presso la Congrega della Chiesa di Minturno, rimarrà allestita la mostra della Luce, che sarà aperta al pubblico dalle ore 19 alle 20.

"Quatto de nui", sindaco e giunta sul palco come attori: succede a Minturno

Cresce la curiosità intorno alla commedia farsesca “Quatto de nui” che andrà in scena venerdì 25 ottobre, alle 20, presso la Sala parrocchiale di Sant’Albina, a Scauri. Il Sindaco Gerardo Stefanelli, il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Tomao ed altri amministratori si cimenteranno nel proporre il lavoro dialettale del medico Dino Artone, composto  nella primavera 1983 ed ora rivisitato.

Con una buona dose di autoironia, gli esponenti della Giunta minturnese si impegneranno sul palcoscenico in una pièce già rappresentata 36 anni fa al vecchio Cinema New York e poi nel corso di una serata allestita da Italia Nostra sul Lido di Scauri, alla quale intervenne l’attore-regista Nino Manfredi, ospite per 40 anni della località turistica del Sud Pontino.

Secondo il Sindaco Stefanelli, “il dibattito politico e la diversità di opinioni sono il sale della democrazia e della politica e l’autoironia ne è spesso uno dei condimenti più ‘saporiti’, perché inatteso e spiazzante”. Da qui la scelta degli amministratori di accettare l’invito dell’autore ad ironizzare sul loro impegno civico e a ridere scherzosamente per le vicende della vita politica locale.