Formia, senza sipario Cuttuni e Lamé

Sold out di abbonamenti per la stagione numero 14  di “Senza Sipario” promossa dal Teatro Bertolt Brecht in collaborazione con l’Atcl (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio) all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Una grande apertura in musica domenica 9 dicembre alle 18 nella sede del collettivo formiano con “Cuttuni e Lamè” di Eleonora Bordonaro con il polistrumentista Puccio Castrogiovanni. L’ironia, la leggerezza, la spiritualità, la determinazione e la furbizia
in un racconto musicale che incrocia i cantastorie, la melodia e i suoni contemporanei. Il suono antico della lingua siciliana e del marranzano condurranno il pubblico attraverso i brani del disco omonimo prodotto da Finisterre che raccoglie una selezione di poesie popolari dell’800 e composizioni originali, a formare il mosaico dell’universo femminile. Si alternano figure arcaiche e stereotipi: l’amante devota, la viziata, Maria in cerca del figlio, l’artista, l’eroina, la scaltra, la finta debole, la rovina del mondo e la colonna solida della società. Intrecci bizarri, stravaganti, giocosi e divertenti dietro i quali si nasconde una ricerca storica, letteraria e musicale nelle tradizioni siciliane. E un linguaggio ricco di storia e suggestioni, ricercato e rappresentativo, sfacciato e raffinatissimo che include un omaggio al misterios
o idioma Gallo-Italico di San Fratello, in provincia di Messina. Si tratta del Lombardo di Sicilia, fusione di lombardo, piemontese, ligure e provenzale. Dialetti del nord che, uniti, risuonano ancora in Sicilia a più di mille anni dall’arrivo nell’isola dei primi coloni al tempo dei Normanni.
Il passaggio dalla poesia popolare alle canzoni originali dell’autrice corrisponde al passaggio che, nel cinema, dal campo lungo arriva alla soggettiva. Le donne dapprima raccontate nella generalità dei pregiudizi che le accompagnano da sempre, diventano poi protagoniste intime, uniche, irripetibili, con pregi e molti difetti, vere. Esseri liberi e complessi.

<Senza sipario sfida il tempo e il suo sedimentare il ricordo delle emozioni vissute dal vivo. La stagione ad abbonamenti iniziata sulla coda del secolo scorso quando a Formia non c’era né il Teatro Remigio Paone nè il cinema Multisala fu uno schiaffo alla noia di provincia, all’abitudine alla rinuncia. Dopo 20 anni le sorti dei teatri in città sono ancora un rebus e la professione teatro arretra, si fa da parte senza interlocutori disposti ad ascoltarla ma Senza Sipario resiste grazie agli abbonati ed al loro amore per il teatro, grazie a chi fuori confine ci sostiene avendo occhi per vedere e competenze per comprendere come l’Atcl, la Regione Lazio e il Ministero. Il tutto esaurito prima ancora di iniziare è un bel segnale da raccogliere>, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati.

Info tbbcomunicazione@gmail.com – 327 3587181 

Fondi, raccolta fondi per l'ANTR

Andrà in scena da Sabato 8 a Lunedì 10 Dicembre prossimi, alle ore 20.30 presso il Centro
Multimediale Dan Danino di Sarra, la commedia “N’ v’ facet’ ambrujà… So’ tutt’ brav’ a murmurà”,scritta e diretta da Antonella Roma e rappresentata dalla Compagnia Teatrale “Attori per caso”.
L’iniziativa è promossa dalle Sezioni di Latina e Frosinone dell’ANTR Onlus – Associazione Nazionale Trapiantati di Rene ed è patrocinata dal Comune di Fondi.
I posti sono numerati e i biglietti di ingresso (contributo Euro 7,00) potranno essere acquistati in prevendita presso la Cartoleria Martusciello in piazza della Repubblica e la Tabaccheria Carnevale in via Ponte Nuovo.
L’intero ricavato sarà devoluto all’ANTR, impegnata a diffondere la cultura della prevenzione, con particolare riguardo alle patologie legate all’insufficienza renale cronica, e a promuovere in
collaborazione con l’Amministrazione comunale di Fondi e con altre associazioni del territorio iniziative pubbliche di informazione e sensibilizzazione.
La commedia è interpretata da Francesco Luigi Berti, Angelo Capodiferro, Aldo Ciccarelli, Felice
D’Angelis, Maria De Angelis, Franca De Santis, Tonino Fabrizio, Beatrice Izzi, Restituta Grossi,
Ermanno Marrocco, Lello Padrone, Mauro Ernesto Paparello, Lucio Piccione, Antonella Roma,
Teresa Trinca. Alla dott.ssa Laura Sepe è affidata la presentazione dello spettacolo e il supporto
organizzativo, trucco e parrucco sono a cura di Beatrice Piccione e l’audio e le luci di Alessio Zizzo,
il suggeritore è Claudio Cimmino, tutta la Compagnia “Attori per caso” si occuperà dei costumi,
Stefano Nesti realizzerà le riprese dello spettacolo, Lello Padrone sarà autore delle foto, i canti e le
musiche sono affidati a Bruno Tuccinardi, Marco Di Cicco, Piero Rosati, Felipe Kaos Latino, ARS.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’ANTR (ubicata a Fondi in via Roma n°53) ai
seguenti numeri: 0771-510822, 338-365785 o la Compagnia “Attori per caso” (dott.ssa Laura Sepe)
al numero 348-7286241.

Itri, Al castello medioevale “Il Castello di Babbo Natale”

Sabato 8 dicembre alle ore 15.00 presso il castello medioevale di Itri (LT), in Via Sant’Angelo 60, grande apertura per il Castello di Babbo Natale 2018 con il fantastico e magico mondo di elfi e folletti, artisti di strada, i nostri amici Minnie e Topolino.

Il Castello di Babbo Natale è promosso dal Comune e dalla Pro Loco di Itri, in collaborazione con le associazioni Eventi da Paniko, Gliu’ Caon e Fuori Quadro. Il Castello di Babbo Natale sarà aperto fino al 6 gennaio 2019: il sabato e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

Al suo interno sarà possibile visitare l’ufficio postale, dove i vostri piccoli e non solo, potranno spedire la loro letterina, la stanza del trono, dove Babbo Natale vi aspetterà per scattare una foto ricordo, la camera da letto… e tante piccole novità. Tra gli eventi speciali, ogni sabato alle ore 10.30 letture animate a cura dell’associazione Fuori Quadro mentre ogni domenica alle ore 15.30 magiche sorprese di Natale.

Info e prenotazioni eventidapaniko@gmail.com, 392.1927191 (Filomena), pagina Facebook Il Castello di Babbo Natale Itri.

Formia, Natale con Jazzflirt

Con uno sguardo aperto agli altri amori, nell’ambito delle iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale di Formia, l’Associazione Jazzflirt-Musica & altri Amori propone lunedì 10 dicembre alle ore 21:00 un concerto con il gruppo ZAK Trio presso il Teatro Remigio Paone, Ingresso libero.

Il trio nasce intorno all’idea di una rilettura, e quindi spesso riscrittura, di brani del repertorio argentino e francese, in un percorso che ha come punti di riferimento maggiori Piazzolla e Galliano, ma talvolta devia sconfinando nella musica da film e in altri generi contigui.

In questo viaggio interiore le possibilità di ogni singolo strumento vengono spinte ai limiti, non solo virtuosisticamente ma anche timbricamente, coinvolgendo lo spettatore in una ricerca continua di colori e atmosfere. Violino (Giuseppe Carotenuto), fisarmonica (Rocco Zaccagnino) e contrabbasso (Gianluigi Pennino) ammalieranno il pubblico con sonorità soavi e armonici dialoghi, improvvisando e scoprendo così ogni volta qualcosa di nuovo e creativo.

Zak Trio:

Giuseppe Carotenuto | violino
Rocco Zaccagnino | fisarmonica
Gianluigi Pennino | contrabbasso

Musiche da Astor Piazzolla e Richard Galliano