FORMIA: Torna la tappa nazionale Open della classe windsurfer.

SPORT: Torna a Formia il raduno nazionale Open della classe windsurfer.

Il prossimo weekend (22 – 23 giugno n.d.r.) la baia di Vendicio verrà, nuovamente, colorata dalle vele dei windsurfer che torneranno a sfidarsi nelle acque del Golfo di Gaeta.

Un ritorno quello della classe windsurfer a Formia, dove già lo scorso anno numerosissimi surfisti per la prima volta provarono le nuove tavole di quella che è una classe che vuole riportare lo sport del Windsurf alla portata di tutti, con una tavola molto meno tecnologica che dia vita ad una classe agonistica non esasperata.

Organizzatore della tappa Formiana della Open National Race 2019, ancora una volta, è il Centro Velico Vendicio che, grazie alla passione di Guido Pisani e del suo staff, si conferma come punto di riferimento per lo sport del windsurf nelle acque del Golfo di Gaeta.

La tappa gode del patrocinio del Comune di Formia, della FIV e del Comitato Velico Formia, la partecipazione della Classe Windsurfer, il supporto della Confcommercio Lazio Sud e degli sponsor DNA Surf, Conad e Sierolat.

Appuntamento, dunque, da non perdere, per tutti gli appassionati o i semplici curiosi, sabato 22 e domenica 23 giugno, nelle acque antistanti la spiaggia di Vendicio, per una due giorni all’insegna di sole, mare e tante vele a colorare il mare del Golfo.

di Enrico Duratorre

 

Monte Orlando non sta morendo. Il Parco: "Questi lepidotteri non causano danni significativi alle piante del bosco".

AMBIENTE: Monte Orlando non sta morendo, a chiarirlo è direttamente il Parco Riviera di Ulisse, entro il quale ricade il promontorio di Monte Orlando, polmone verde della città di Gaeta.

La notizia di un possibile danno all’ecosistema di Monte Orlando, rilanciata dalle pagine dei social network, ha creato allarmismo nella popolazione che immaginava un esito quasi catastrofico.

Il Parco, all’indomani dell’allarme, si è immediatamente attivato ed in stretto contatto con la Regione Lazio, ha disposto immadiatamente delle indagini che hanno permesso la pubblicazione, sul portale “www.parchilazio.it”, di un comunicato ufficiale che riportiamo integralmente.

“Negli ultimi giorni la comparsa nella querceta di Monte Orlando di una consistente quantità di bruchi “pelosi” ha destato allarme e preoccupazione. L’Ente Parco Riviera di Ulisse comunica alla cittadinanza che, a seguito delle verifiche effettuate dal naturalista responsabile del Servizio Naturalistico e Sviluppo Sostenibile dell’ente, è stato accertato che NON SI TRATTA DI “PROCESSIONARIA”, il temuto lepidottero dei pini i cui bruchi risultano particolarmente urticanti e, per questo, pericolosi per la salute. Quelli presenti attualmente nel Parco di Monte Orlando sono bruchi di Lymantria dispar.

Si tratta sempre di lepidotteri (farfalle notturne) le cui larve nascono a partire dalla comparsa delle prime foglie e, nel corso delle prime fasi di vita, si calano dai rami, con sottili fili sericei, sulle parti sottostanti della pianta lasciandosi spesso trasportare dal vento per disperdersi anche a grande distanza. Lo sviluppo larvale richiede un tempo variabile, dai 2 ai 3 mesi, al termine del quale, generalmente in estate, le larve si trasformano in crisalidi, sfarfallano e si riproducono deponendo le uova per la successiva generazione.

Queste infestazioni hanno una ciclicità circa decennale e, ad eccezione degli aspetti estetici, gli alberi, infatti, vengono quasi del tutto defogliati, non causano danni significativi alle piante del bosco. I bruchi hanno un aspetto molto particolare dovuto alla colorazione dei tubercoli dorsali che, soprattutto negli stadi più avanzati di sviluppo, presentano evidenti colorazioni di rosso e blu, sono ricoperti di peli (solo lievemente urticanti) e raggiungono una lunghezza massima di circa 6/7 centimetri. L’Ente Parco ha provveduto ad inviare una specifica segnalazione al Servizio Fitosanitario della Regione Lazio.

Sebbene i bruchi non siano pericolosi per la salute delle persone, la peluria di cui sono ricoperti potrebbe risultare urticante per soggetti particolarmente sensibili, pertanto, SI CONSIGLIA DI EVITARE IL CONTATTO CON GLI STESSI”.

di Enrico Duratorre

Giro di boa per i Mondiali di Beachtennis

Siamo al giro di boa degli Itf Tennis World Championships, il mondiale di beach tennis che fino al 16 giugno si gioca da mattina a sera inoltrata con partite gratuite nello spettacolare campo centrale e negli altri 16 campi secondari allestiti sulla spiaggia di Levante a Terracina. 

IL PUNTO SULLA GARA. Si è giocata la giornata degli ottavi di finale del doppio PRO maschile e femminile, domani grande attesa per i quarti di finale e semifinale doppio femminile PRO, ottavi e quarti di finale misto PRO, quarti singolari maschili.

LA FASE CALDA. Si giocherà dalle 9 alle 23 per la fase più spettacolare del torneo che vedrà sui campi da gioco gli attuali campioni del mondo come lo spagnolo Antonio Miguel Ramos Viera e Giulia Gasparri.

SI FERMA IL SOGNO MONDIALE PER I TERRACINESI. Sono partiti dalle qualifiche e hanno raggiunto gli ottavi di finale del mondiale, tra le 16 coppe più forti del mondo, nella categoria del doppio maschile, gli atleti di Terracina Simone Perroni e Gianmarco Scarica. Nella partita di oggi alle ore 14:00 il sogno mondiale della coppia si è scontrato con  Nicolas Gianotti (FRA) e Antonio Miguel Ramos Viera (ESP), il più forti del mondo in carica. Un’impresa che fino all’ultimo ha fatto sperare e tifare.

LE DICHIARAZIONI. Giancarlo De Risi, direttore di gara, afferma: <fino ad ora pronostici più o meno rispettati su tutti i campi, domani entriamo nella fase calda della gara con i quarti di finale e semifinale della categoria PRO. Si vedranno grandi battaglie in campo con partite spettacolari e i più grandi nomi del beach tennis. Mi piace sottolineare l’impresa dell’over 40 Alessio Chiodioni che avendo preso come compagno di gioco il 18enne Mattia Spoto è riuscito ad arrivare ai quarti di finale del doppio maschile PRO>. Andrea D’Onofrio, presidente del comitato organizzativo, dichiara: <siamo contenti e soddisfatti di questi primi giorni di mondiale qui a Terracina. Un’invasione di atleti e non nel villaggio allestito sulla spiaggia di levante. Un contesto naturale abbinato alla spettacolarità delle azioni che è in grado di coinvolgere non solo gli appassionati ma anche chi non conosce questo sport. Abbiamo assistito non a colpi di racchetta ma a colpi di spada, ci prepariamo allo spettacolo delle finali, anche queste ad ingresso gratuito>

ITRI: Sollevati dubbi sulla selezione dei Vigili stagionali. Il Comandante Pugliese risponde alle accuse

POLITICA: Nelle ultime ore hanno girato per la città di Itri, dei volantini che sollevano dubbi sul regolare svolgimento della selezione di Agenti di Polizia Municipale a tempo determinato, voilantini che hanno girato anche attraverso le pagine del Social Network.

“La selezione è stata fatta nella massima trasparenza – spiega il Comandante Pugliese, Presidente della Commissione – Non accettiamo strumentalizzazioni, chiacchiericci o false ed alterate rappresentazioni della realtà da parte di ignoti o alcuni che vogliono denigrare l’operato dell’Amministrazione – continua il Comandante – La selezione è stata fatta nella massima legalità garantendo imparzialità, trasparenza e buon andamento dell’azione amministrativa in tutte le sue fasi”.

Il Comandante Pugliese difende l’operato della Commissione da lui presieduta ed alza la voce contro chi ha voluto sollevare dubbi sulla selezione dei vigili stagionali, attraverso volantini distribuiti ed affissi durante le prove allo scopo, secondo il Comandante Pugliese, di condizionare i membri della Commissione.

“Rigettiamo le illazioni e le dicerie – conclude Pugliese – rispondendo con i fatti”.

Comunicato Stampa