Un ponte di parole, Il concorso letterario 2020

È indetta la quinta edizione del concorso letterario “Un ponte di parole”, allo scopo di diffondere una cultura che dia risalto alla promozione delle pari opportunità socio-culturali, dell’integrazione e all’abbattimento delle distanze sociali e culturali attraverso il mezzo letterario. Con particolare riferimento all’accoglienza del diverso da me e della pacifica convivenza.

Il regolamento prevede due sezioni. Nella prima sezione saranno premiate le poesie, i racconti, le raccolte di poesie/racconti inediti a tema libero, di autori stranieri che vivono in Italia e scrivono in lingua italiana. Nella seconda sezione le poesie o i racconti inediti sul tema dell’immigrazione/integrazione di autori italiani.

Come sempre, non è previsto alcun contributo economico per la partecipazione al concorso, per entrambe le sezioni. Una forma corretta per non limitare la partecipazione, non avvantaggiare e non escludere nessuno.

Una giuria presieduta dalla giornalista e poetessa Sandra Cervone, presidente di deComporre Edizioni, e formata da critici cinematografici, saggisti, docenti, scrittori, poeti valuterà le opere pervenute, selezionando prima una rosa di sei finalisti (tre per sezione) e poi il vincitore dell’edizione al quale sarà pubblicata l’opera in cento copie per deComporre Edizioni).

Le opere vanno inviate a redazione.decomporre@tiscali.it complete di nome, cognome, recapito telefonico e breve biografia dell’autore. La scadenza è fissata al 30 marzo 2020. Info al 3289340232 (Stefania Dell’Anno, Uni-verso integrato) oppure 3394073283 (Sandra Cervone, deComporre Edizioni).

Artisti del golfo di Gaeta alla mostra dei 100 Presepi in Vaticano

Locandina ufficiale

Alcuni presepi, progettati e costruiti nel golfo di Gaeta, sono pronti per andare in mostra in Vaticano. Giunta alla 44ma edizione, si apre sabato 7 dicembre la mostra internazionale 100 Presepi in Vaticano, un prestigioso appuntamento per gli appassionati della manualità, della fantasia e aperto a tutte le età, a cura del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Roma Vaticano 100 Presepi n. 2
Il presepe scacchiera

Per la città di Minturno sarà presente il professore Federico Galterio, che vanta una presenza decennale alla mostra dei 100 Presepi. Per la valutazione sono stati inviati a Roma quattro presepi realizzati con svariato materiale: dalla scacchiera ai legnetti, dai pastelli al ‘midollo’ di fico. Opere create da Marco Pogioli, Manuel Galterio, Anna Di Rienzo e Federico Galterio.

La cooperativa sociale ‘Magicamente’ e l’associazione culturale del Basso Lazio hanno progettato e seguito l’ideazione e la realizzazione dei manufatti, con soluzioni creative originali, rielaborando e riutilizzando materiali di uso comune e non, per produrre nuove ‘creazioni’ all’insegna del rispetto dell’ambiente, ridurre la quantità del materiale destinato alle discariche per ‘prodotti’ a costo zero.

Aldo Manzo Presepe
Il presepe di Aldo Manzo

Da Gaeta partirà, invece, il medico Aldo Manzo. Nel suo studio di via Garibaldi ha esposto negli anni le sue artistiche creazioni presepiali, che ha iscritto anche a varie rassegne natalizie. Si tratta di una semplice Natività in tipico stile napoletano con Gesù bambino, coccolato da Maria e Giuseppe.

La mostra è ad ingresso libero e si svolgerà presso la sala San Pio X, in via dell’Ospedale 1, angolo con via della Conciliazione 7. La mostra sarà aperta tutti i giorni fino al 12 gennaio 2020, dalle 10 alle 20 (ingresso fino a un’ora prima della chiusura): il 24 e 31 dicembre la mostra chiuderà alle 17.00. Info su www.100presepi.it.

La biblioteca di Formia aperta di sabato? Formiaé consegna al Comune 350 firme

Da gennaio 2020 la biblioteca di Formia sarà aperta anche il sabato. Lo ha comunicato Carmina Trillino, vice sindaco nonché assessore alla cultura di Formia, dopo la consegna al Comune di 350 firme raccolte online in meno di 48 ore sul sito www.formiae.org. Radio Civita aveva dato notizia dell’iniziativa, diverso tempo fa.

Angelo Leccese
Angelo Leccese, responsabile di Formiaé

Un impegno verbale, ma come spiega Angelo Leccese, uno dei responsabili del think tank Formiaé “la notizia non può che farci piacere considerato l’alto contributo che la biblioteca comunale garantisce in termini di aggregazione e offerta di servizi”. Nello specifico, l’impegno assunto è quello di lavorare all’organigramma del personale e potenziare, conseguentemente, il servizio. Si tratta di un luogo unico in città che permette l’aggregazione di tanti giovani e non. Un luogo affollato e frequentato durante tutto l’anno, da valorizzare sempre più.

Carmina Trillino
Carmina Trillino, vicesindaco e assessore alla cultura di Formia

“A questo proposito – continua l’esponente di Formiaé – è necessario dare risposte stabili e non estemporanee: assegnare risorse di personale comunale alla biblioteca è l’unica strada da percorrere per garantire la stabilità dell’offerta dei servizi. Siamo convinti che la classe dirigente di questa città debba avere il coraggio di investire di più sui giovani e sui servizi legati a loro. In molti, dopo le scuole superiori, lasciano la città per studiare o per lavorare. È necessario aprire un dibattito e comprendere cosa occorre loro e dargli la possibilità, anche con piccole cose, di vivere al meglio la nostra città”.

I sogni si possono realizzare. Il teatro Bertolt Brecht presenta la stagione 2019-2020

VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA
Maurizio Stammati

La conferenza in Podcasts

2019-11-05 Conferenza Stampa Brecht – parte 1
2019-11-05 Conferenza Stampa Brecht – parte 2
2019-11-05 Conferenza Stampa Brecht – parte 3
2019-11-05 Conferenza Stampa Brecht – parte 4

“Grazie alla comunità del Carmine, grazie a quanti hanno creduto e credono all’attività del Brecht siamo a riaprire e ridonare alla città uno spazio e un messaggio importante: si può fare. E’ questo quello che vogliamo dire ai ragazzi e ai bambini: i sogni si possono realizzare.

Quando questa estate abbiamo saputo dell’abbattimento della scuola, abbiamo temuto di dover chiudere, abbiamo pensato che come ogni storia anche quella del Brecht doveva finire. Tanti si sono stati vicini, tante anche le offerte dei comuni vicini, poi abbiamo incrociato lo sguardo di don Carlo che ha avuto il coraggio di darci fiducia. Ricominciamo di nuovo, questo vuole essere uno spazio aperto a tutti che abbia come segno l’infanzia e l’adolescenza.

Quest’anno un cartellone completo, ricco, in diverse città del golfo, una bellissima stagione teatrale in questo spazio e ringrazio l’ATCL che ha permesso di costruire una stagione ad abbonamento di altissima qualità, venite, vi aspettiamo”, ha affermato Maurizio Stammati, direttore artistico del Teatro Bertolt Brecht.

Le parole di Maurizio Stammati – Podcasts

Le parole di Maurizio Stammati, prima della Conferenza Stampa
Le parole di Maurizio Stammati, dopo la Conferenza Stampa
Intervista a Lucia Maltempo, assessore del Comune di Gaeta

Sette rassegne da novembre ad aprile, tre progetti internazionali, cinque festival estivi, cinque comuni, un nuovo spazio: questi i numeri del cartellone 2019/20 del Teatro Bertolt Brecht di Formia presentato in un incontro pubblico nella nuova sala Iqbal Masih in via Vitruvio 342 a cui hanno partecipato anche l’assessore alla pubblica istruzione del Comune di Gaeta Lucia Maltempo e Luca Fornari, amministratore delegato dell’ATCL Lazio.

“Come circuito regionale pensiamo che sia un elemento fondamentale sostenere le realtà che nei territori fanno spettacolo dal vivo, non solo portare nei comuni del Lazio più o meno grandi gli spettacoli ma stare vicino alle strutture che lavorano su quel territorio, fare rete, metterle insieme.

Qui a Formia abbiamo la fortuna di avere il Teatro Bertolt Brecht che sul territorio locale e regionale riesce ad avere una struttura che ha un ruolo. Sono qui a testimonianza di questo, per apprezzare questo nuovo luogo e tutti i vostri sforzi”, ha affermato Luca Fornari, amministratore delegato dell’ATCL.

Luca Fornari

“Sono qui perché credo fermamente nell’ottica comprensoriale, lavoriamo da anni con il Brecht sia nelle scuole sia grazie al festival estivo di teatro per ragazzi Palcoscenici di sabbia che anche quest’anno è andato benissimo e continueremo a sostenere queste attività perché da insegnante posso confermare che il teatro fa bene”, ha affermato Lucia Maltempo, assessore alla pubblica istruzione del Comune di Gaeta.

Un cartellone che porta il logo della Regione Lazio grazie al progetto “Officine culturali” e del Ministero per i beni, le attività culturali e il turismo che ha riconosciuto anche per questo triennio il Teatro Bertolt Brecht come teatro di rilevanza nazionale di immagine e di figura.

LA STAGIONE AD ABBONAMENTO

Dal 7 dicembre al via  “Senza Sipario”, la stagione ad abbonamento promossa in collaborazione con l’A.T.C.L. (Associazione Teatrale fra i comuni del Lazio)con sette spettacoli in cartellone più due “fuori abbonamento” che porta di nuovo a Formia il teatro d’attore e d’autore con interpreti d’eccezione. Quest’anno grandi nomi come Giobbe CovattaMoni Ovadia e la Nuova Compagnia di Canto Popolare in cartellone insieme a bei ritorni come Sergio Vespertino, “I Pezzi di Nerd”, Pierluigi Tortora, Paolo Cresta e novità come Antonio Pandolfo.

LE STAGIONI DI TEATRO RAGAZZI

Dal 16 novembre per la prima volta si inaugura a Fondi, grazie al patrocinio del Comune, la stagione di teatro per ragazzi “Tutti a teatro” presso l’auditorium Sergio Preti (ex auditorium San Domenico).Cinque appuntamenti per i più piccoli. Dal 17 novembre, invece, ricomincia “Famiglie a teatro”, la stagione di Formia quest’anno presso la nuova Sala Iqbal Masih. A domeniche alterne da novembre a marzo, con otto spettacoli in cartellone tra le fiabe più belle, i classici rivisti per i ragazzi e nuove storie narrate da compagnie italiane professioniste nazionali. Quest’anno due le stagioni di teatro per le scuole: “10 e lode” al Teatri Ariston di Gaeta e “Teatro a quadretti” alla Sala Iqbal per le scuole di Formia.

LETTERATURA E CINEMA

E ancora i quattro appuntamenti dedicati al cinema con “Parole oltre lo schermo” nella sua nuova formula di spettacolo/conferenza a partire da gennaio e tre di poesia “Di poeta in poeta” a cura del prof. Pasquale Gionta in partenza il 14 dicembre con Franz Kafka.

I PROGETTI INTERNAZIONALI.

Tre saranno i progetti internazionali che vedranno il Brecht nel 2019 in Tunisia per la partecipazione al Festival internazionale del teatro per l’infanzia di Tunisi e nel 2020 in Kenya  per “Teatri Senza Frontiere” con la rete italiana di teatro per ragazzi UTOPIA e a dicembre 2020 in Patagonia.

I FESTIVAL

I FESTIVAL. Sempre in estate riconfermati i festival nazionali di teatro per ragazzi: il “Cancello delle favole“ a Formia, “Palcoscenici di sabbia” a Gaeta, “Tutti giù dal palco” a Scauri, “Itrinfavola” di Itri e il Festival dei teatri d’arte mediterranei.

LA NUOVA SALA IQBAL MASIH

Cinque delle sette stagioni presentate si terranno nel nuovo spazio affidato dalla parrocchia Madonna del Carmine al collettivo formiano. Costruita insieme alla chiesa negli anni ’70, la sala, è nei ricordi e nella memoria di tanti come ex cinema e luogo di ritrovo culturale. Lo spazio era utilizzato dai giovani e dai ragazzi addirittura come campo da calcio o da pallavolo, poi aperto al pubblico come sala di proiezione cinematografica per adulti e per bambini, come teatro per le allora emergenti compagnie teatrali fino al 1985. Dal 1985 al 2004 lo spazio è stato poi utilizzato dalla comunità per proprie iniziative, conferenze e piccoli eventi promossi dalla stessa parrocchia. Nel 2008 con l’arrivo del nuovo parroco don Gianluigi Valente, che ha sostituito lo storico don Vittorio Valerio, è iniziata la pulizia della sala dei pannelli e delle sedie ormai logorate dal tempo. Lavoro proseguito da don Carlo Lembo che ha iniziato i primi importanti lavori di ristrutturazione come lo scivolo e le porte antipanico.

E’ nato così uno spazio culturale di teatro, musica, arti visive. E’ nato uno spazio dedicato all’infanzia, all’adolescenza, ai giovani, alle famiglie. E’ nato a Formia una spazio per tutti intitolato ad Iqbal Masih, il bambino pakistano che ha lottato per i diritti dell’infanzia. Lo spazio sarà dedicato, in particolare, alla formazione delle nuove generazioni attraverso le discipline dell’arte. che si apre alla disponibilità delle scuole per le loro attività che vuole diventare un punto di riferimento a livello nazionale ed internazionale del teatro di figura e per ragazzi. Al momento lo spazio verrà aperto per 99 posti con la possibilità di arrivare a 200/240 posti con alcuni lavori di adeguamento, in particolare l’impianto di areazione e ricambio dell’aria.

RACCOLTA FONDI

E’ stata aperta una raccolta fondi per sostenere la nuova Sala Iqbal Masih (20 euro per una poltrona, 50 euro per un faro, 100 euro per un mq di pavimento, 200 euro per un m3 di riscaldamento) che è possibile versare al conto corrente bancario intestato a Associazione Culturale  Collettivo Teatrale Bertolt Brecht Iban IT61 M 05296 73980 CC0070016945 con la causale Sala culturale Iqbal Masih. Il 17 novembre alle ore 16:30 è in programma l’intitolazione ufficiale della Sala.