Gaeta, non ottempera all’espulsione, rintracciato e denunciato.

In data 16 gennaio 2019, i militari della locale tenenza carabinieri deferivano in stato di libertà un cittadino nigeriano di 55 anni senza fissa dimora, già destinatario di provvedimenti di espulsione.             I militari operanti rintracciavano il cittadino extracomunitario nell’ambito di specifici servizi di controllo del territorio e contrasto all’immigrazione clandestina e, durante il controllo, accertavano che il predetto aveva violato l’obbligo di lasciare il territorio italiano entro 7 giorni non ottemperando quindi ad un ordine di espulsione. La prefettura di Latina pertanto ordinava nuova espulsione con relativo accompagnamento presso il centro di identificazione ed espulsione di potenza.

Minturno, intervento del Sindaco sul tema delle "Città del Golfo"

Foto di Luigi Versaggi Panno

 

«È capitato a molti di noi di disquisire sul tema “La Città del Golfo” (che letteralmente esprime il concetto di un’entità amministrativa in grado di abbracciare l’intero Golfo di Gaeta, o parte significativa di esso). In realtà, solo una piccola parte di noi ha pensato di costruire una città con la fusione dei comuni esistenti. Noi tutti, invece, abbiamo sempre voluto che gli attuali Comuni lavorassero insieme in maniera più stringente. Per questo tutti avremmo dovuto parlare, sin dall’inizio, più correttamente, de ‘Le Città del Golfo’: si potrebbe discettare anche di quanto, questo errore lessicale, abbia influito sulle amene fortune della politica comprensoriale.

Passiamo, quindi, da ‘La Città’ a ‘Le Citta del Golfo’: e lo facciamo nel momento in cui leGerardo Stefanelli  amministrazioni civiche adottano atti concreti che ‘parlano’ di una reale politica comprensoriale.

Un cambio di vocale che si fa cambio di ‘campo’. Un campo in cui non esiste un centro, ma emerge una rete collaborativa, che contribuisce, ognuno con i propri pesi, in una logica di solidarietà e solidità. Ognuno, ma insieme.

Se cambiamo una vocale, e soprattutto se cambiamo il ‘campo’, non ci troveremo più a polemizzare su dove avrà sede l’ufficio di zona di un servizio pubblico statale o su quale sarà l’entità amministrativa che avrà il compito di gestire le procedure di un servizio comune.

Per i nostri cittadini sarà importante che quei servizi siano più efficienti e, in un numero più ampio, più facilmente fruibili, che consentano di migliorare complessivamente la qualità della loro vita: questo dovrebbe essere il nostro unico obiettivo da perseguire con perseveranza e lungimiranza. Senza gelosie.

Non esistono guerre e prevaricazioni, ma spiccano generosità e  collaborazione. Insieme a Paola Villa e Cosmo Mitrano, insieme alle Città di Formia e di Gaeta, per un Golfo più forte!»

Fondi, arrestata donna che nascondeva eroina nei tacchi degli stivali

Il 12 gennaio 2019, nel corso della serata, in Fondi, i carabinieri del locale comando tenenza, a conclusione di specifica attività investigativa, hanno arrestato, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente una donna del luogo, Alessandra z. 43enne, poiché trovata in possesso, a seguito di perquisizioni personale e veicolare, di complessivi grammi 13 circa di eroina, contenuti in due ovuli occultati nei tacchi dei propri stivali.

L’arrestata è stata  condotta presso la propria abitazione, ove rimarrà ristretta, in regime di arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

Fondi, Mauro Caporiccio persona dell'anno

Il nome più votato per la “Persona dell’Anno” è stato quello di Mauro Caporiccio autore e
consulente presso Rai – Radiotelevisione Italiana, sceneggiatore, giornalista.
La premiazione è avvenuta sabato sera 12 gennaio nel Castello Caetani di Fondi durante lo
spettacolo Lirico-Pop dell’Accademia Moysa e le voci di Maria di Biasio (direttrice dell’Accademia), Dario Micci, Marilisa Priftuli e il maestro di chitarra Simone Salvatori.

A premiare Mauro Caporiccio è stato il vice sindaco di Fondi Beniamino Maschietto, il vice
presidente della Provincia di Latina Vincenzo Carnevale, la consigliera della XXII Comunità
Montana Sandra Cima, il presidente della Pro Loco Fondi Gaetano Orticelli.
“Ai giovani dico di leggere e leggere molto – ha commentato Mauro Caporiccio – per poter
scrivere bene e con verità. Io ho avuto come primi maestri Dario Lo Sordo ed Emidio
Quadrino. Ringrazio tutti per questo premio che mi onora e mi sprona a fare e a dare
sempre il meglio di me stesso”.

Prima del brindisi augurale finale è intervenuto anche il secondo finalista, Alessio Saccoccio, ideatore della start up “Idroluppolo” selezionata per lo start cup 2018 Lazio come una delle migliori start up innovative dell’anno, illustrando i risvolti nel campo dell’occupazione e dell’economia del territorio.

Questa la motivazione del premio: Mauro Caporiccio, nato a Fondi nel 1963, laureato in Scienze Politiche all’Università di Siena ha scritto film e mini serie di Rai Fiction traendo spesso i suoi soggetti da fatti e protagonisti della cronaca.
Prima di iniziare la sua carriera di sceneggiatore, è stato inviato e autore di programmi di grande popolarità della Rai, tra cui “I fatti vostri”, “Ricominciare”, “La vita in diretta”, “Uno mattina”, affiancando personaggi del piccolo schermo come Gianni Bisiach, Franco di Mare, Michele Cucuzza, Luca Giurato, Massimo Giletti, Rita Dalla Chiesa, Michele Guardì, Alda D’Eusanio.
Proprio grazie a queste trasmissioni ha iniziato la ricerca delle storie vere da trasferire nel formato fiction, firmando soggetti e sceneggiature di alcuni grandi successi andati in onda sulla rete ammiraglia della Rai come “Al di là delle frontiere” (2004) regia di Maurizio Zaccaro, con Sabrina Ferilli, seguita dal tv movie “Il figlio della luna”, con Lunetta Savino e Paolo Briguglia, regia di Gianfranco Albano, Premio al Miglior film nel 2008 al Festival internazionale della tv di Montecarlo e al Festival della produzione televisiva di Shangai.
Negli ultimi anni Mauro Caporiccio ha continuato a realizzare in veste di autore programmi di approfondimento delle tre reti Rai: “Enigma” con Corrado Augias, “Petrolio”, con Duilio Giammaria, la serie di docufilm sulla lotta alla mafia “Cose nostre”, e sull’Italia da salvare “Fuori luogo”, condotto da Mario Tozzi.
Alternando a questa attività quella di sceneggiatore, ha scritto altre importanti produzioni di Rai Fiction. Tra queste, le biografie “La farfalla granata” sulla vita del calciatore del Torino Paolo Meroni, diretto da Paolo Poeti, e “Mister Ignis”, regia di Luciano Manuzzi, sulla storia dell’industriale-operaio Giovanni Borghi.
Nel 2018 ha scritto il soggetto e la sceneggiatura del film “I nostri figli”, tratto dalla storia vera degli orfani di una vittima di femminicidio, prodotto da Rai Fiction e dalla 11 Marzo Film. Il film è andato in onda su Rai Uno il 6 dicembre scorso, con uno share del 24,50 %, pari a 5 milioni e 600 mila telespettatori, risultando uno dei successi televisivi più seguiti e apprezzati della stagione.
Mauro Caporiccio Con il suo impegno ha dato lustro alla Città di Fondi e comprensorio.