Coronavirus, Ordinanze dei sindaci da revocare, dopo la riunione in Prefettura

L’articolo è in continuo aggiornamento
Premi F5 su computer o switcha sullo smartphone

Oggi pomeriggio, martedì 3 febbraio, i sindaci del Lazio sud sono stati in riunione presso la prefettura di Latina per fare il punto della situazione in merito alla emergenza Coronavirus.

Il prefetto Maria Rosa Trio ha comunicato che le ordinanze emesse nella giornata di ieri dovranno essere revocate, in quanto il decreto legge n. 9 del Governo, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale (2 marzo 2020), all’articolo 35 rende inefficaci le ordinanze contingibili ed urgenti adottate dai Sindaci:

A seguito dell’adozione delle misure statali di contenimento e
gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 non possono essere adottate e, ove adottate sono inefficaci, le ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza predetta in contrasto con le misure statali.

Fonte: Gazzetta Ufficiale

All’incontro era presente il direttore generale dell’Asl Giorgio Casati. Inoltre, da domani riapriranno gli istituti scolastici delle città interessate (Formia, Gaeta e Minturno) e cadranno le limitazioni adottate.

Arcidiocesi di Gaeta

L’Arcidiocesi di Gaeta, con propria nota pubblicata sul sito istituzionale, ha confermato tutti gli eventi diocesani, ad eccezione di soli due appuntamenti, annullati per motivi logistici. Tutto torna alla normalità.

Comune di Gaeta

Anche il comune di Gaeta ha emanato apposita direttiva, con una specifica ordinanza sindacale. Ma intorno alle 23.45 è arrivata la comunicazione della chiusura delle scuole della città:

Comune di Minturno

Anche il comune di Minturno ha emanato una specifica ordinanza sindacale di revoca all’ordinanza della giornata di ieri. In serata, dopo una prima notizia di riapertura delle scuole, l’amministrazione ha fatto ‘dietrofront’ disponendo la chiusura e la sospensione didattica degli istituti “Marco Emilio Scauro” e “Antonio Sebastiani” per i giorni 4 – 5 – 6 marzo per la disinfestazione, sanificazione e ripristino dei locali scolastici (Qui l’ordinanza)

Comune di Castelforte

Tra i primi a dare notizia dei provvedimenti c’è stato il Comune di Castelforte con l’annuncio di apposita ordinanza.

Comune di Itri

Anche il Comune di Itri rende noto che il sindaco ha preso parte all’incontro in Prefettura.

“Pertanto – spiega il Sindaco Fargiorgio – ai sensi dell’art. 35 del Decreto Legge n° 9 del 02/03/2020 nel quale sono inserite le misure statali di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, i poteri decisonali per l’emanazione dei provvedimenti restrittivi, come la chiusura degli istituti scolastici, sono sottratti ai Sindaci e possono essere adottati solo dal Governo, dunque – continua l’Avv. Fargiorgio – le ordinanze sindacali contingibili ed urgenti, ove adottate, sono inefficaci, di conseguenza – conclude il Sindaco – verranno riaperti gli Istituti scolastici nei comuni in cui era stata disposta la chiusura. Le scuole di ogni ordine e grado di Itri da domani saranno riaperte regolarmente”.

Comune di Fondi

Il vicesindaco di Fondi Beniamino Maschietto ha deciso di fare una nota sulla questione in cui ha reso noto di aver anche avuto un incontro sulla questione in Comune questa mattina.

“Il Vice Sindaco Maschietto – si legge nella nota – informa inoltre che si era svolta in mattinata, presso la Casa comunale di Fondi, una riunione con i Dirigenti degli Istituti scolastici cittadini avente ad oggetto le misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, nel corso della quale si era condiviso che ad oggi non sussistono elementi scientifico-sanitari validi per chiusure generalizzate dei predetti Istituti, prendendo altresì atto delle disposizioni emanate dalle Autorità competenti.”

Comune di Formia

Anche il comune di Formia ha emanato apposita direttiva, con una specifica ordinanza sindacale.

Comune di Santi Cosma e Damiano

Infine, il comune di Santi Cosma e Damiano ha dato notizia sul proprio sito della ripresa delle attività a partire da domani, mercoledì 4 marzo.