Si è svolto a Formia il contest "Cantieri di Narrazione Identitaria"

L’aula consiliare del Comune di Formia ha ospitato lunedì 13 maggio il contest del progetto “Cantieri di Narrazione Identitaria” che ha visto coinvolti gli studenti delle classi del Liceo Classico “Vitruvio Pollione” di Formia.
Il percorso di formazione culturale patrocinato dal Comune di Formia, ideato  da Emilio Casalini, noto giornalista Rai, che da un triennio gira l’Italia per confrontarsi con gli alunni, ha l’obiettivo di affidare il compito di narrare il territorio promuovendolo e valorizzandolo mediante iniziative creative. Diciassette i progetti che sono stati presentati dalle classi 1° A, 1° B, 1° C, 1° D e 1° E ed esaminati da una giuria specializzata presieduta da Casalini.
“E’ un occasione per far capire e comprendere il valore di questa bella iniziativa – spiega il sindaco Paola Villa – Attraverso l’interessante progetto di Emilio Casalini esiste la possibilità di raccontare il proprio territorio apportando delle idee e cercare di migliorarle in maniera tale da renderlo un luogo sempre più creativo e interessante. Lo ringrazio per aver voluto condividere con noi la sua esperienza nell’ambito di un progetto atto a valorizzare il nostro immenso patrimonio culturale, artistico e paesaggistico”. “I giovani sono il futuro, ma rappresentano soprattutto il presente di questa città”.
Già sperimentato con successo in decine di scuole italiane, il progetto che è il secondo nel Lazio (Formia e Gaeta) è stato coordinato da Daniela Coia, docente di Storia dell’Arte del Liceo “Vitruvio Pollione”.
“Il lavoro dei ragazzi e degli insegnanti è stato encomiabile – commenta il vicesindaco e assessore alla Cultura Carmina Trillino – Siamo particolarmente orgogliosi del successo di questa iniziativa. Il progetto di Casalini, che è un osservatore attento e innamorato dell’Italia e delle sue bellezze, è stato subito condiviso dalla nostra amministrazione e si è voluta creare una piena collaborazione con il chiaro intento di valorizzare la risorse dei nostri luoghi storici e più caratteristici. E’ l’ennesima dimostrazione che grazie alla collaborazione e all’unione d’intenti i risultati possono arrivare e riconosce la nostra attenzione nei confronti della scuola”.
“E’ un progetto unico – interviene il giornalista  – La narrazione è lo strumento più importante che abbiamo per ritrovare la coscienza della nostra identità. Bravi i ragazzi che hanno realizzato degli ottimi lavori e anche grazie all’amministrazione che ha recepito in pieno le proposte degli alunni. La strada che stiamo percorrendo è quella giusta e quello che avete sviluppato, le opportunità che offrirete al territorio, sono una risorsa fondamentale. Questi sono i risultati che si ottengono quando il mondo della scuola dialoga con amministrazioni come la vostra, capace di ascoltare, di confrontarsi e di mettersi in gioco”.
A ogni gruppo è stato consegnato un attestato di partecipazione. A vincere il progetto “Viaggio di Cicerone” della classe 1° B davanti al “Classico Pop” della 1° D e ad “Amico Digitale” realizzato dalla 1° C.