Formia / Mai più, Il viaggio della memoria del Teatro Bertolt Brecht

Il viaggio della memoria del Teatro Bertolt Brecht di Formia parte da Cosenza con il titolo simbolico “Mai più”. In occasione della Giornata della memoria il collettivo formiano porta in scena gli spettacoli prodotti dedicati alla Shoa e promuove eventi per mantenere viva la coscienza civica. Perché, se si vuole, la storia si può cambiare. Un tour promosso all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Lo spettacolo “La Valigia dei destini incrociati” scritto da Alessandro Izzi per la regia di Maurizio Stammati in scena con Chiara Di Macco, Alfredo Giraldi, Gianluca Cangiano, nato per raccontare la Shoa ai ragazzi, sarà il 23 e 24 gennaio al Teatro dell’Acquario di Cosenza. Lo spettacolo continuerà il 29 gennaio al Teatro Parrocchiale di Pasturo (Lecco), il 31 gennaio al Teatro San Carlo di Padova, il 9 febbraio nell’aula magna dell’Ic Mattej di Formia.

“Zingari Lager”, invece, farà tappa il 25 febbraio al Teatro delle Arti di Lastra a Signa (Firenze) per la drammaturgia sempre di Izzi e in scena Maurizio Stammati con le trascinanti musiche zigane dal vivo dei Taraf de Metropolitana. Il gruppo, in sintonia con il testo, proverà a raccontare e ricordare la Porrajmos, l’olocausto del popolo rom.

Il 26 gennaio alle 19, invece, al Teatro Bertolt Brecht un appuntamento speciale a cura di Alessandro Izzi che apre la nuova edizione della rassegna “Parole oltre lo schermo. Una prima serata dedicata a “Il diario” di Etty Hillesum  che, insieme con le lettere scritte dal campo di prigionia di Westerborg, anticamera olandese di Auschwitz, sono tra le testimonianze umane più sconvolgenti della storia della Shoah europea.

“Il razzismo , come la calunnia, è un venticello sottile che si insinua tra le fessure delle coscienze, inebria gli stolti, rende trionfi i gradassi e i potenti senza scrupoli . Pensiamo sia indispensabile oggi più che mai ricordare lo sterminio di circa 11 milioni di persone considerate cancellabili per il solo fatto di appartenere ad un’altra etnia. Il nostro grido di dolore per quella immane tragedia non si placa con il passare del tempo anzi guarda con orrore i porti chiusi e i muri che si erigono. Nelle scuole, nei teatri, nelle piazze continueremo a raccontare la tragedia della shoah come monito alle generazioni future affinché siano sentinelle di pace di inclusione e tolleranza. Conosciamo una sola razza quella umana”, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati.

Formia / Dal 10 febbraio le audizioni per Jazzflirt Voices

FORMIA – Nuova avventura per l’associazione Jazzflirt – Musica e altri Amori. A partire da marzo 2019 l’Associazione “Jazzflirt- Musica & altri amori” con sede a Formia (LT), sotto l’iniziativa di alcuni soci, darà vita ad un coro polifonico moderno: “Jazzflirt Voices”. Le audizioni partiranno il 10 febbraio presso il teatro Bertolt Brecht di Formia.

La formazione del coro sarà strutturata con quattro voci, due maschili (bassi e tenori) e due femminili (contralti e soprani). Un coro che a seconda delle proprie caratteristiche vocali e inclinazioni, ha la possibilità di impostare la propria attività attingendo con piena soddisfazione da quel grande contenitore tecnico ed espressivo che offre il repertorio contemporaneo, un repertorio in cui il rapporto fra la tecnica compositiva e quella esecutiva/interpretativa diventa sempre più interdipendente, e dove le forme di emissione vocale, spesso diversissime e lontane fra di loro, contestualizzandosi al repertorio, assumono pari dignità e diventano un’imprescindibile base per la caratterizzazione espressiva del testo poetico e musicale.

Come partecipare?

Si potrà partecipare al coro “Jazzflirt Voices” con l’iscrizione all’Associazione Jazzflirt che comprende una quota annuale di € 20,00 (€ 30,00 per le coppie, € 15,00 ragazzi e figli di iscritti) e il pagamento mensile di € 10,00. Gli iscritti ai laboratori organizzati dal “B. Brecht” pagano la quota annuale d’iscrizione all’Associazione Jazzflirt di € 10,00 e il pagamento mensile di € 10,00.

Luogo di svolgimento delle prove: le prove di coro, tenute da un Direttore di coro, si terranno presso la sede dell’Associazione Culturale Collettivo Teatrale Bertolt Brecht in Via Delle Terme Romane snc, Formia (LT).

Giorno delle prove: il lunedì o il giovedì dalle ore 20,30 alle 22,30.
Il giorno sarà concordato definitivamente insieme ai partecipanti, tenendo conto degli impegni lavorativi.
Inizio delle prove: verrà comunicato immediatamente dopo aver effettuato le audizioni.

Le audizioni si terranno domenica 10 febbraio dalle ore 10.30 alle ore 12.15 e consisteranno in semplici prove “individuali” aventi lo scopo di determinare l’intonazione vocale del corista e in quale sezione vocale verrà introdotto (basso, tenore, contralto o soprano). Le prove avverranno solo in presenza e a cura degli insegnanti.
Eventuali coristi nuovi, che si presentano dopo le audizioni nel giorno su indicato, potranno essere integrati nel coro dopo aver sostenuto le audizioni individuali e a discrezione degli insegnanti, tenendo conto dello stato di avanzamento delle prove del coro esistente.

Insegnante e direttore di coro: Maestro Paola Soscia

Diplomata in Pianoforte, Musica Corale e Direzione di coro presso il Conservatorio Statale di Musica “F. Morlacchi” di Perugia, laureata in Lettere moderne presso l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale con una tesi in Storia della Musica sui valori culturali, sociali, e artistici della musica corale, dal 1992 si dedica all’insegnamento della Musica nella scuola pubblica e a partire dal 1996 è Direttore del Coro “Discantus Ensemble” di cui è socio fondatore e con il quale ha svolto centinaia di concerti eseguendo un vasto repertorio polifonico per coro a cappella e per coro e orchestra.

Arrangiamenti: Maestro Domenico Vellucci

Diplomato in sassofono con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica di Napoli “S. Pietro a Majella”. Attualmente studia Composizione e Pianoforte presso la Scuola Civica di Musica “Aldo Clementi”. Insegna Educazione Musicale presso il Liceo “T. Tasso” di Roma.

Info e contatti
3290647006 – 3471466781 – 3357049918
Web Site:www.jazzflirt.net
E-Mail: info@jazzflirt.net
FACEBOOK: www.facebook.com/Jazzflirt

Alice nel paese delle meraviglie in scena al Teatro Remigio Paone di Formia

Domenica 20 gennaio alle 17 al Teatro Remigio Paone di Formia nuovo appuntamento con la stagione “Famiglie a teatro” promossa dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

In scena un classico fiabesco come “Alice nel paese delle meraviglie” nel riadattamento della compagnia “La mansarda – Teatro dell’orco” di Caserta. Chi non ricorda la celebre Alice, la bambina nata dalla penna di Lewis Carroll, che nel 1865, nel suo famoso romanzo, racconta le sue mirabolanti avventure nel “paese delle meraviglie”. Un paese in cui sarà la stessa protagonista, infatti, ad accogliere e condurre gli spettatori ed a condividere con loro gli incontri con i personaggi più significativi della sua storia: il Bianconiglio, lo Stregatto, il Cappellaio Matto e la terribile Regina di Cuori tra oggetti che ridono e parlano.

Possibile che sia tutto un sogno? Venite a teatro… il finale è a sorpresa.

Da Wikipedia

Alice nel Paese delle Meraviglie, è un romanzo fantastico pubblicato per la prima volta nel 1865 dal matematico e scrittore inglese reverendo Charles Lutwidge Dodgson, sotto il ben più noto pseudonimo di Lewis Carroll.

Il racconto è pieno di allusioni a personaggi, poemetti, proverbi e avvenimenti propri dell’epoca in cui Dodgson opera e il “Paese delle Meraviglie” descritto nel racconto gioca con regole logiche, linguistiche, fisiche e matematiche che gli hanno fatto ben guadagnare la fama che ha. Il libro ha un seguito chiamato Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò. Nella maggior parte dei casi gli adattamenti teatrali e cinematografici preferiscono fondere insieme elementi dell’uno e dell’altro.

Lo statunitense Martin Gardner ha pubblicato un’opera intitolata The Annotated Alice che riproponeva il testo di entrambi i libri arricchito da numerosissime note esplicative che spiegavano tra l’altro i riferimenti più o meno conosciuti ai vari poemetti vittoriani di cui Dodgson propone parodie nei suoi libri.

Formia, Speciale Befana al Brecht con Orlando Furioso

Il 6 gennaio un appuntamento speciale di “Famiglie a teatro” per grandi e piccoli in occasione della festa dell’Epifania Alle 17 al Teatro Remigio Paone l’ultima produzione firmata Teatro Bertolt Brecht per l’adattamento di Pompeo Perrone e la regia di Maurizio Stammati: “La fantastica storia dell’Orlando Furioso”. L’evento si inserisce nel progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e nel riconoscimento del Mibac. 

Un caleidoscopio di immagini, personaggi e musiche raccontate da una compagnia di teatranti che, come una carovana di nomadi, compie un viaggio nel poema arrostisco tra i più onirici e affascinanti della letteratura italiana. Una scenografia apparentemente caotica e casuale dà forma in modo semplice e sorprendente ai quadri più importanti: il bosco degli inseguimenti, l’isola di Alcina, il grande e affascinante ippogrifo.

Si alternano alle oniriche scene le vicende dei personaggi, i paladini, tutti intenti ad inseguirsi per rabbia e per amore. Il tutto raccontato al modo della commedia dell’arte, omaggio indiretto al grande Dario Fo ed alla tradizione italiana del teatro popolare e delle compagnie girovaghe dei buffoni, maestri indiscussi del teatro italiano nel mondo.

Ingresso 5 euro. Prenotazioni al 327 3587181.