Ultimo appuntamento della stagione "Famiglie a teatro" promossa dal teatro Bertolt Brecht di Formia

InfattiDomenica 17 marzo alle ore 17:00 al Teatro Remigio Paone l’ultimo appuntamento della stagione “Famiglie a teatro”. La rassegna è promossa dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Da sempre legato con forza a temi sociali, il Teatro Nucleo di Ferrara proporrà Chenditrì, ovvero l’albero delle caramelle. Attraverso la metafora della caramellina, lo spettacolo riflette sullo sfruttamento del pianeta. Una storia che si ispira a “L’eccezione e la regola” del celebre drammaturgo tedesco Bertolt Brecht e al video-documentario Land Rush, girato tra Mali e Stati Uniti da Hugo Berkeley e Osvalde Lewat. I protagonisti dello spettacolo, con la regia di Natasha Czertok e Martina Pagliucoli, sono il perfido mercante Langmann e Idrissa, ultima contadina rimasta a prendersi cura delle terre.

Infatti, le vicende dei due personaggi accendono i riflettori sulle sterminate porzioni di terra coltivabile, che sono sottratte alle popolazioni in Africa, America Latina, Sud-est asiatico – ma anche nella Pianura Padana – per essere destinate alla produzione di bio-carburanti, recentissima forma di speculazione dell’Occidente. Sotto il peso delle richieste energetiche del mondo industrializzato scompaiono così intere culture, insieme alle tradizioni agricole che le hanno caratterizzate per millenni e, con loro, la biodiversità.

Dunque, il tono e i modi che sostengono il racconto sono quelli della fiaba. Il buio, le ombre, l’albero-cartone animato con i disegni di Giulia Osti, la parodia del linguaggio pubblicitario, le leggi della comicità. Questi sono i mezzi immaginifici di Chenditrì. Per riflettere assieme, piccoli e grandi, sugli inganni del nostro tempo.

Ingresso 5 euro
Prenotazioni 327 3587181

Festa di Carnevale del teatro Bertolt Brecht di Formia con: "Zezza e pulcinella"

Una grande festa di Carnevale a teatro per tutta la famiglia con le maschere della commedia dell’arte. Il 3 marzo alle ore 17:00 al Teatro Remigio Paone di Formia un appuntamento speciale della stagione “Famiglie a teatro” promossa dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Una grande festa in compagnia di “Zeza e Pulcinella”, storico spettacolo della compagnia formiana che ha una lunga confidenza con la maschera napoletana, di cui ha narrato le peripezie, gli amori e addirittura la morte. Ispirato alla Zeza, scenetta carnevalesca del ‘600 cantata al suono del trombone e della grancassa, lo spettacolo rielabora le tradizioni, per dare vita a quadri del teatro di strada e di figura. In un incalzante susseguirsi di apparizioni e duelli, il povero Don Fausto viene riportato alla realtà con un provvidenziale bagno freddo ma, quando tutto sembra aver riacquistato l’equilibrio, nel chiuso della sua camera, riprende il cammino verso un mondo immaginario dove tutto è possibile e dove il sogno ha ancora cittadinanza.

Info e prenotazioni 327 3587181

Leggi anche: Carnevale formiano 2019

Spettacolo "Il principe e il povero" al teatro Remigio Paone di Formia

Domenica 17 febbraio alle ore 17:00 al Teatro Remigio Paone nuovo appuntamento con la stagione Famiglie a teatro promossa dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Liberamente ispirato al libro di Mark Twain, in scena la compagnia Granteatrino di Bari  con Anna Chiara Castellano Visaggi e Giacomo Dimase per la regia di Paolo Comentale con “Il Principe e il povero”.

Il riadattamento teatrale trae ispirazione dalle molte versioni animate e cinematografiche di questo capolavoro, amate e riconosciute dal pubblico dei bambini. Le differenze economiche possono influenzare tutta la crescita di un bambino, ma non minarne la vera natura. E dall’esperienza di vita si può trarre lezione, com’è dimostrato nella storia di Mark Twain. Il principe Edoardo e il povero Tom si incontrano e, stanchi della loro vita e molto simili nell’aspetto fisico, si scambiano i “ruoli”. Di qui tutta una serie di avventure, ma, alla fine, essi ne usciranno migliorati e sapranno rivelare la loro vera natura. Un allestimento molto giocoso in cui un narratore attore interagirà con gli spettatori per coinvolgerli nelle vicende e per dialogare con i burattini protagonisti della storia.

Il testo pone l’accento su quanto, nonostante le differenze economiche e culturali, la natura del bambino sia assolutamente la stessa a prescindere dalla provenienza familiare e come ognuno di essi possa, come il Povero di Twain, manifestare grande saggezza e generosità a prescindere dalla sua estrazione sociale.

Info e prenotazioni 327 3587181

Articoli simili: Formia, scuola di magia per la stagione di Famiglie a Teatro

Formia / I musicanti di Brema al teatro Remigio Paone

Domenica 3 febbraio alle 17 al Teatro Remigio Paone di Formia la prima nazionale del nuovo spettacolo di teatro per ragazzi firmato dal Teatro Bertolt Brecht di Formia “I musicanti di Brema”. L’appuntamento è parte della stagione “Famiglie a teatro” promossa dal collettivo formiano all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del Mibac.

Un lavoro frutto del riadattamento di Pompeo Perrone della favola tradizionale dei fratelli Grimm con in scena Chiara Di Macco, Valentina Ferraiuolo e Maurizio Stammati che firma anche la regia. I costumi sono di Dora Ricca, le musiche di Domenico De Luca, la scenografia di Marco Mastantuono, il disegno luci di Antonio Palmiero.

Quattro animali in fuga contro i soprusi e le prepotenze degli umani ma poi la soluzione è:  <l’unione fa la forza>. Metafora del presente con risvolti attualissimi, lo spettacolo, raccontato con tecniche miste e con musica dal vivo, riflette sull’amicizia, sulla fuga e sull’approdo con uno sguardo all’utopia di un luogo dove tutto si fa più giusto e libero. Non mancheranno le sorprese, ovviamente.

Dopo la prima a Formia, lo spettacolo si prepara ad un lungo tour nei teatri di diverse regioni italiane.

Ingresso 5 euro
Prenotazioni al 327 3587181