L’artista e professore formiano Tito Rossini premiato al “FRANCO CUOMO INTERNATIONAL AWARD”

Il 4 Dicembre, alle ore 16:00 a Palazzo Giustiniani a Roma, l’artista e professore formiano Tito Rossini riceverà il Premio “Franco Cuomo International Award” per l’Arte 2019.

L’artista, nonché docente di arte alla scuola media Vitruvio Pollione di Formia, sarà premiato per “l’originalità della cifra pittorica e lo straordinario lirismo metafisico”.

Il premio, intitolato allo scrittore, giornalista e drammaturgo scomparso nel 2007, è stato istituito per valorizzare nuove forme di espressione culturale, sociale e umana nel segno dell’opera di Cuomo e va a suggellare gli altri riconoscimenti che Tito Rossini, ha raccolto nella sua straordinaria carriera: la partecipazione alla Quadriennale Romana del 1996, quella nel 2011 alla 54° Biennale di Venezia e il conferimento nel 2013 della Medaglia del Presidente della Repubblica alla XXIV Edizione del Porticato Gaetano.

Dal 2017, inoltre, una collezione di 38 sue opere è collocata permanentemente presso la sede del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre, per la Collezione d’Arte Contemporanea dell’Ateneo Romano.

Rossini conferma così la specificità del suo linguaggio pittorico, e il suo profilo di un autentico creatore di forme e di immagini, che gli permettono di lasciare un segno ben riconoscibile nel panorama artistico e divenire così un artista di rango.

Accanto a lui altri nomi che rappresentano l’eccellenza nel panorama letterario, giornalistico, imprenditoriale, storico, cinematografico, musicale e religioso: la scrittrice Dacia Maraini, lo scultore Michelangelo Galliani, il giornalista Giuseppe Marra, l’ex Direttore Generale dell’Unesco Federico Mayor Zaragoza, il vice direttore vicario del Corriere della Sera e direttore del Magazine 7 Barbara Stefanelli, la scrittrice Chiara Gamberale, l’imprenditore Brunello Cucinelli, gli storici Andrea Graziosi e Giovanni Mario Ceci, l’attore e regista Corrado D’Elia, l’attore Felice Panico, il direttore d’orchestra Gianna Fratta, l’artista Luca Maria Patella, Giuseppe Ricci, Chief Refining & Marketing Officer Eni per le attività in ambito di sostenibilità ambientale, il missionario e medico Fra Fiorenzo Priuli, la Fondazione Carano 4 Children impegnata ad aiutare i bambini in difficoltà e Claudio Manzo per la sua iniziativa solidale a sostegno delle famiglie dei piccoli ricoverati all’Ospedale Bambino Gesù.

Il premio si avvale di una prestigiosa Giuria di respiro internazionale, guidata dall’ispanista e critico d’arte Otello Lottini, che ultimamente ha curato la personale di Rossini dal titolo “Tito Rossini, le forme del Silenzio” presso il Castello Baronale di Minturno, evidenziandone la rara sensibilità, capace di rendere in parole la gestazione di un’arte autentica, che si fonda nella memoria prima ancora che negli occhi.