Il festival dei giovani di Gaeta diventa 'Junior'

Il FESTIVALDEIGIOVANI® diventa junior. Quest’anno, alla quinta edizione di Festivaldeigiovani®, nasce Festivaldeigiovani® Junior un’iniziativa unica promossa dal Comune di Gaeta e da Noisiamofuturo per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado in programma martedì 31 marzo. 15 Istituti Comprensivi di 8 Comuni: Gaeta, Formia, Minturno, Fondi, Itri, Sperlonga, Castelforte e Santi Cosma e Damiano; oltre 1000 gli studenti coinvolti e che saranno i protagonisti attivi di diverse aree tematiche: dai principali contenuti di attualità, alla formazione, alla cittadinanza attiva ed all’orientamento al futuro.

“Gaeta – commenta il Sindaco Cosmo Mitrano – si appresta a trasformarsi in un grande laboratorio culturale e creativo, offrendo agli studenti del comprensorio l’opportunità di confrontarsi e di scambiarsi idee ed opinioni. Vogliamo dare voce a loro ma sarà un momento importantissimo anche per noi adulti: avremo modo di poter raccogliere quelle riflessioni che i giovanissimi del nostro territorio faranno emergere. Il Festivaldeigiovani® Junior – prosegue Mitrano – rappresenta una grande scommessa che ci apprestiamo a vivere con entusiasmo e che già da oggi possiamo dire di aver vinto! Al nostro invito a partecipare, abbiamo ricevuto la pronta risposta dei Dirigenti Scolastici del nostro comprensorio. A loro intendo rivolgere un ringraziamento particolare per la sensibilità ed attenzione dimostrata e per aver saputo cogliere l’opportunità di un evento rivolto agli studenti delle scuole medie che, soprattutto in quella fascia d’età, si apprestano ad effettuare scelte fondamentali per il loro futuro scolastico e lavorativo. Le Istituzioni – conclude il Sindaco – devono lavorare insieme, e noi Enti locali dobbiamo sostenere gli Istituti scolastici che vivono anni difficili dovuti alle carenze di risorse dal Governo centrale. E’ nostro obbligo morale porre in campo tutte quelle azioni necessarie a dimostrare concretamente la vicinanza tra chi Amministra ed i giovani, gli studenti che sono la speranza di un futuro migliore”.

Cosmo Mitrano

“L’obiettivo è di raggiungere una fascia di giovanissimi che già si deve mettere alla prova con scelte che caratterizzeranno il loro futuro. A livello scolastico, ma anche a livello di  persone e cittadini  – dichiara Fulvia Guazzone,  che ha creato e dirige Noisiamofuturo® e Festivaldeigiovani® – Per questo motivo siamo felici ed abbiamo accolto con entusiasmo l’idea di creare un Festivaldeigiovani® Junior all’interno del quale valorizzare i giovani nel loro desiderio di imparare, sperimentare, confrontarsi in un percorso di crescita sui più importanti temi di attualità e di sviluppo della loro personalità in una città, Gaeta, che ad aprile sarà sempre di più città dei giovani”.

Trait d’union tra il Comune di Gaetae gli Istituti scolastici del Comprensorio, Gianna Conte Presidente della commissione cultura ed istruzione. “Ogni Istituzione scolastica – aggiunge Gianna Conte – potrà partecipare  iscrivendo gli  studenti a tantissimi eventi e laboratori di orientamento e formazione completamente gratuiti accedendo dal sito www.festivaldeigiovani.itSono tanti ed interessanti gli argomenti che verranno esposti nel corso del Festivaldeigiovani® Junior: dalle nuove professioni tra studio e sviluppo di  soft skills con laboratori di giornalismo e comunicazione socialper l’avvicinamento alla scrittura e  all’informazione consapevole anche attraverso i social tra fake news e tutela della privacy. Una vera e propria opportunità per i nostri ragazzi per promuovere e favorire in loro un forte senso di collegialità”.

Non mancheranno laboratori di scrittura creativacon Parole Giovani per chi vuole scrivere racconti e poesie o con Myosper capire il mondo dietro le serie Tv ed inventare  storie e personaggi insieme a sceneggiatori professionisti. Altri elementi che verranno esplicitati nel corso dell’evento riguardano: l’inclusione, multiculturalità,  legalità e cittadinanza attiva con laboratori  gioco su pari opportunità di genere; incontri sul bullismo con gli esperti dell’ Associazione Bulli Stop; azioni di cittadinanza attiva ed impegno sociale con l’elezione e la nascita di consigli comunali e sistemi di rappresentanza da parte dei giovani. Sono previsti inoltre momenti di formazione interattiva:come argomentare una tesi, sostenere un confronto, dibattere in pubblico con vere e proprie simulazioni di tra gruppi di studenti.

Il Talent School è invece il contest che valorizza e da spazio alle migliori best practice scolastiche, raccontate o interpretate dagli studenti. Con il mondo delle scienze: con la visita al Planetario dell’ Istituto Nautico Caboto con Il laboratorio di analisi delle biodiversità; la Digital Detox Room:  una sessione di lavoro e gioco che fa provare in un’ora ai ragazzi come sarebbe la vita senza smartphone, con prove di intelligenza e risoluzione dei problemi anche se sconnessi.La Scuola di Musica con insegnanti e strumenti per lezioni di avvicinamento alla musica; benessere e nutrizione conshow cooking ed incontri con esperti.

Gaeta, ecco la presentazione del "Festival dei Giovani"

Domani mattina, 4 febbraio alle 11 presso l’aula consiliare del Comune di Gaeta si terrà la presentazione del Festival dei Giovani che avrà luogo nella città del Golfo dal 1 al 3 aprile, con una sorta di anteprima il 31 marzo dedicato ai junior.

A renderlo noto il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, insieme a Noisiamofuturo, l’Università LUISS Guido Carli di Roma, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che presenzieranno alla conferenza stampa di presentazione della quinta edizione di domani.

Dopo il successo dello scorso anno, che ha registrato oltre 23mila presenze di studenti ed insegnanti, ritorna a Gaeta dal 1 al 3 aprile il primo e unico Festival dedicato alla Generazione Z e da quest’anno con una grande novità: la sezione Junior, rivolta agli studenti delle scuole medie, in programma il 31 marzo, arricchito da idee originali, sondaggi, nuovi contest, incontri di formazione, dibattiti sui temi più urgenti e sentiti dagli adolescenti, protagonisti assoluti dell’intera iniziativa che rispondono “all’emergenza futuro” con idee e voglia di fare.

La fiducia diventa un libro e sarà presentato a Gaeta

Trust this book – Un gioco sulla fiducia di Ecolojoy”, dopo il suo debutto bolognese, è pronto per continuare il suo viaggio giovedì 12 dicembre alle ore 18 nell’Ex Chiesa di San Giovanni Della Porta, a Gaeta. Il libro, nato in seno al progetto Ecolojoy e in collaborazione con la Collana Il Girovago (Edizioni Nuova S1), vuole essere un mezzo efficace e leggero per affrontare il tema – più che mai attuale – della fiducia in modo giocoso e coinvolgente, ponendosi a metà strada tra un esperimento sociale, un esercizio di creatività e la sfida a sperimentare una delle ipotesi della fisica quantistica legata al potere dell’intenzione di concorrere alla creazione della realtà. 

Nato da un’idea della counselor e biologa Anna Carla Scesi “Trust this book”, scritto in un’unica versione con testi sia in italiano sia in inglese, invita il suo proprietario a diffondere una propria riflessione sulla fiducia, affidando successivamente il libro nelle mani di un’altra persona che sceglierà con cura e che, a sua volta, farà lo stesso con un’altra.  Arrivato a dodici passaggi il libro sarà pronto, grazie al suo ultimo scrittore, per tornare al primo proprietario, carico di pensieri, energia e suggestioni del viaggio percorso. L’obiettivo è creare un circolo virtuoso di persone che arricchiscano man mano ogni pagina con un pensiero, disegno, fotografia o domanda su questo determinante e prezioso sentimento morale.

Il proprietario del libro, infatti, compilerà la prima pagina con i suoi dati personali indicando il contatto per la restituzione, decidendo anche il tempo massimo per cui ogni persona potrà tenerlo tra le mani prima di passarlo a un’altra: da 15 minuti fino a un mese. “Trust this book” è un libro che vuole viaggiare, quindi, di mano in mano e di luogo in luogo, chiamando all’appello un principio di fisica quantistica basato sul potere dell’intenzione di creare un campo di coerenza secondo il quale le frequenze di pensieri, sentimenti e credenze potrebbero essere in grado di influenzare concretamente la vita e la realizzazione di eventi nel “qui e ora”. Funzionerà? Secondo i suoi ideatori non resta che provare, e iniziare a… giocare.

Il libro sarà presentato nella splendida cornice della ex Chiesa di San Giovanni della Porta. Presenti per l’occasione, oltre all’autrice, il curatore del testo Lorenzo Cimmino nonché co-fondatore di Ecolojoy, e la moderatrice Pina Sciarra. “Vogliamo migliorare il mondo, inventando giochi. Quindi una cosa seria…” hanno affermato all’unisono i due ideatori di “Trust this book”, che è già acquistabile on line sul sito www.nuovas1.it e sui principali portali di libri, oppure ordinabile in ogni libreria d’Italia.

CHI È ECOLOJOY
Ecolojoy è un progetto di Lorenzo Cimmino e Anna Carla Scesi, nato con lo scopo di promuovere il processo di empowerment dell’individuo attraverso la creazione di prodotti ed eventi ludici. Il gioco diventa quindi il veicolo ideale per affrontare tematiche complesse, umane e sociali, in maniera efficace, leggera e coinvolgente. Per questo motivo, il motto di Ecolojoy è: “Play together, rise yourself” (Gioca insieme agli altri, eleva te stesso). “Ecologioia, trasformato poi in inglese per dare un respiro internazionale al progetto, è un neologismo che descrive il nostro concetto di ecologia della mente”, hanno spiegato Cimmino e Scesi: “Trasformiamo lo smog psicologico in un ambiente arioso, di responsabilità individuale e divertimento collettivo. Inventiamo libri interattivi, eventi e giochi. Divertendoci come pazzi”. Info su www.ecolojoy.net.

Artisti del golfo di Gaeta alla mostra dei 100 Presepi in Vaticano

Locandina ufficiale

Alcuni presepi, progettati e costruiti nel golfo di Gaeta, sono pronti per andare in mostra in Vaticano. Giunta alla 44ma edizione, si apre sabato 7 dicembre la mostra internazionale 100 Presepi in Vaticano, un prestigioso appuntamento per gli appassionati della manualità, della fantasia e aperto a tutte le età, a cura del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Roma Vaticano 100 Presepi n. 2
Il presepe scacchiera

Per la città di Minturno sarà presente il professore Federico Galterio, che vanta una presenza decennale alla mostra dei 100 Presepi. Per la valutazione sono stati inviati a Roma quattro presepi realizzati con svariato materiale: dalla scacchiera ai legnetti, dai pastelli al ‘midollo’ di fico. Opere create da Marco Pogioli, Manuel Galterio, Anna Di Rienzo e Federico Galterio.

La cooperativa sociale ‘Magicamente’ e l’associazione culturale del Basso Lazio hanno progettato e seguito l’ideazione e la realizzazione dei manufatti, con soluzioni creative originali, rielaborando e riutilizzando materiali di uso comune e non, per produrre nuove ‘creazioni’ all’insegna del rispetto dell’ambiente, ridurre la quantità del materiale destinato alle discariche per ‘prodotti’ a costo zero.

Aldo Manzo Presepe
Il presepe di Aldo Manzo

Da Gaeta partirà, invece, il medico Aldo Manzo. Nel suo studio di via Garibaldi ha esposto negli anni le sue artistiche creazioni presepiali, che ha iscritto anche a varie rassegne natalizie. Si tratta di una semplice Natività in tipico stile napoletano con Gesù bambino, coccolato da Maria e Giuseppe.

La mostra è ad ingresso libero e si svolgerà presso la sala San Pio X, in via dell’Ospedale 1, angolo con via della Conciliazione 7. La mostra sarà aperta tutti i giorni fino al 12 gennaio 2020, dalle 10 alle 20 (ingresso fino a un’ora prima della chiusura): il 24 e 31 dicembre la mostra chiuderà alle 17.00. Info su www.100presepi.it.