Alla scoperta di luoghi speciali con il festival dei Teatri d'Arte Mediterranei

Dal 19 al 25 agosto la XV edizione dei Festival dei Teatri d’ Arte Mediterranei che per la prima volta si allarga a due città: Formia e Minturno. Da sempre il Festival adotta alcuni luoghi simbolo che rivivono, parlano e denunciano attraverso diverse forme artistiche.

MARINA DI CASTELLONE. Uno degli appuntamenti del festival è il flash mob al bene confiscato ai Chianese dell’ex albergo di Marina di Castellone il 22 agosto alle ore 19:00 a cura della giornalista e vide direttrice di Latina Oggi Graziella Di Mambro e del Teatro Bertolt Brecht. Un’azione pubblica di letture, attualità e musica per accendere i riflettori su un bene ancora in stato di abbandono e chiedere l’apertura alla cultura degli spazi. Tutti i cittadini, associazioni, enti, istituzioni e movimenti sono invitati a partecipare.

LETTURE SPECIALI IN LUOGHI SPECIALI. Sono parte del programma letture speciali in luoghi speciali ormai diventati parte del festival per i personaggi, gli incontri e le storie che narrano. L’ ex discoteca Seven Up da sempre ospita narrazioni di legalità e illegalità. In questa edizione il 23 agosto alle ore 18:00 si leggerà da La Quinta Mafia di Marzo Omizzolo, uno spaccato delle infiltrazioni in provincia di Latina.  L’ex clinica Cusumano dove soggiornò Gramsci è da sempre, nell’ atrio dell’attuale condominio, lo spazio per approfondire le tante sfaccettature del personaggio. Per l’edizione 2019 il focus è sul rapporto tra Gramsci e la musica con uno studio quasi inedito della prof. Luisa Righi. L’ex lavatoio di Maranola dove ancora l’acqua continua a scorrere in memoria delle donne che lì si ritrovavano ospiterà la scrittrice e giornalista Elena Stancanelli con le lettere dal suo ultimo libro “Venne alla spiaggia un assassino”.

LETTURE ALL’ALBA E IN BARCA A VELA. Uno degli appuntamenti più attesi del festival sono le letture alle 7:00 a strapiombo sul mare nella suggestiva cornice del Parco di Gianola, accanto alla cisterna maggiore. Dal 23 al 25 agosto, allora, l’omaggio ad Andrea Camilleri a cura di Paolo Cresta e Maurizio Stammati. Sono già aperte le prenotazioni, invece, per la lettura dell’Odissea in barca a vela dal 19 al 21 agosto (ore 7,9,11:30 e 10) dalla darsena Flying di Scauri.

A Formia il convegno 4 centesimi a riga organizzato dall'UCS della diocesi di Gaeta e Fuori Quadro

Giornalismo, etica, legalità e libertà di stampa saranno i temi del convegno accreditato dall’Ordine dei giornalisti del Lazio e dal Miur che si terrà mercoledì 15 maggio, dalle ore 9 alle ore 12, presso la sala comunale “Falcone Borsellino”, in piazza Marconi a Formia. L’evento, dal titolo “Quattro centesimi a riga”, è organizzato dall’Ufficio diocesano per le comunicazioni sociali dell’arcidiocesi di Gaeta, in collaborazione con l’associazione culturale Fuori Quadro e con il patrocinio del comune di Formia.

Sarà un momento per interrogarsi sulla vita e sul lavoro del giornalista che prova, ogni giorno, a raccontare la verità dei fatti che avvengono sul territorio tra precariato e nuovi media. L’apertura del convegno è affidata all’arcivescovo di Gaeta Luigi Vari che, all’interno della Conferenza Episcopale del Lazio, è il vescovo delegato alla cultura e alle comunicazioni sociali.

Interverrà Lucio Luca, giornalista di Repubblica, autore del libro “L’altro giorno ho fatto quarant’anni” (Laurana Editore). Lucio Luca, nato a Ragusa nel 1967, vive a Palermo. Ha lavorato come cronista sportivo, sulla stampa, in radio e tv, entrando poi a Repubblica. Nel suo libro racconta la storia di Alessandro Bozzo, giornalista calabrese morto suicida nel 2013. Una vicenda umana e professionale legata al quotidiano Calabria Ora dove Bozzo fu costretto dall’editore a firmare un contratto di lavoro lui definito “un’estorsione”.

Il secondo ospite sarà il giornalista Antonio Maria Mira, caporedattore nella redazione romana di Avvenire, giornale per il quale, da anni, cura le inchieste e dossier di approfondimento sui temi più “caldi” come l’azzardo, l’ambiente, le mafie. Ha vinto numerosi premi per i servizi e le inchieste giornalistiche, in particolare il Premio Saint Vincent nel 2007 per il giornalismo d’inchiesta, il maggior riconoscimento italiano nel campo dell’informazione.

Il terzo intervento sarà a cura di Graziella Di Mambro, vice direttrice del quotidiano locale Editoriale Latina Oggi. La Di Mambro è inoltre garante della legalità dell’Associazione Articolo 21 che si propone di promuovere il principio della libertà di manifestazione del pensiero come scritto, appunto, nell’articolo 21 della Costituzione italiana.

Nel pomeriggio, Lucio Luca presenterà il suo libro alle ore 18.30 presso la sede dell’associazione Fuori Quadro a Formia, in via Vitruvio 344, con letture a cura del Teatro Bertolt Brecht.