Proseguono le iniziative del comune di Minturno per contrastare le violenze di genere

Sabato 16 luglio dalle ore 10 alla darsena di Scauri attraverso lo sport si continuerà la campagna di sensibilizzazione e contrasto delle violenze di genere.

«Dopo il teatro e il cinema, protagonisti dei primi eventi pubblici di “Meteore”, ora tocca allo sport e, specificamente, a due “eccellenze” del territorio: all’ASD Pallavolo Minturno ed al Circolo Velico Scauri. Queste due realtà hanno nel proprio DNA il punto di vista e la capacità di comprensione propri dell’universo femminile, in quanto da questo traggono i maggiori successi sportivi», dichiara l’Assessore ai Servizi Sociali Mimma Nuzzo. 

Saranno così le ragazze della Pallavolo Minturno a dare il via a questa “particolare” giornata estiva, con una esibizione di beach volley in programma alle ore 10 presso la Darsena Flying di Scauri. A seguire, alle atlete si unirà un festoso corteo spontaneo che muoverà lungo la riva del mare verso il centro, raccogliendo nello svolgimento chiunque voglia partecipare, in una sorta di flash mob dal sapore “balneare”. Infine, sempre le pallavoliste saranno protagoniste di una regata in stile match-race, in cui si sfideranno due imbarcazioni “mini altura” sotto la supervisione del Circolo Velico Scauri, a partire dalle 13, con partenza dalla Darsena Flying. 

Francesco Treglia, psicoterapeuta e leader del team progettuale di “Meteore”, osserva come gli eventi sportivi di questa giornata contribuiscano alla sensibilizzazione al contrasto alla violenza sulle donne e a valorizzare le buone pratiche (in questo caso anche sportive) presenti nel comune di Minturno. «Come ci ricorda la convenzione di Istanbul – sottolinea il dottor Treglia – il contrasto alla violenza va attuato anche attraverso il coinvolgimento giovanile e le iniziative culturali e per questo progetto di networking e sensibilizzazione ci è sembrato giusto coinvolgere quegli attori che sul territorio agiscono da tempo e con successo, incarnando delle best practices che possono rappresentare uno stimolo ed un esempio per iniziative similari». 

Le città del Golfo di Gaeta unite in ricordo della Shoah

Il giorno della memoria e della Shoah sarà il filo di narrazione che unirà le città e le comunità del Golfo: Formia, Gaeta e Minturno.

Un percorso comprensoriale che volutamente gli Assessori alla Cultura e alle Politiche giovanili  delle Città del Golfo intendo affidare alle giovani generazioni quali custodi della memoria e della  conoscenza. In tale ottica, gli alunni delle terze classi delle scuole secondarie di primo grado del  Golfo, dal   24 gennaio al 1 febbraio vivranno le stesse emozioni assistendo  allo spettacolo “A memoria d’uomo” dell’attore e regista Enzo Scipione.

Primo evento di una serie di appuntamenti dove la “memoria” avrà come altro e prossimo  momento il  ricordo delle Foibe. Corale la dichiarazione di Alessandra Lardo, Assessore alla formazione, integrazione, politiche giovanili, sportello Europa e digitalizzazione Città di Formia; Carmina Trillino, Assessore alla Cultura e vice Sindaco Città di Formia; Lucia Maltempo, Assessore alla Pubblica Istruzione, alle Politiche Giovanili e all’Infanzia Città di Gaeta; Mimma Nuzzo, Assessore alla Cultura e servizi Sociali e Pubblica Istruzione Città di Minturno, che hanno fortemente voluto e cercato il primo punto di incontro e di contatto: “È stato un incontro immediatamente produttivo – spiegano – il filo della cultura può senz’altro contribuire a rafforzare l’unione del Golfo in una prospettiva di formazione e di educazione alla pace tra i popoli”.

Con il Patrocinio dei Comuni di Formia, Gaeta e Minturno lo spettacolo scritto dall’attore/regista Enzo Scipione, pone al centro della scena con sedie sparse poste senza una logica senza un perché, quasi a testimoniare ciò che sta per raccontare, il genocidio appunto, non ha logica e non ha un perché, così come sarà la sua (dello spettatore) reazione, ferma, inerme come quando accadevano i genocidi, inermi, fermi semplicemente ad ascoltare. La scenografia studiata dal regista è quella delle più crude, toccanti in modo da indurre lo spettatore a guardare da vicino il reato che il mondo intero ha lasciato consumare.

Lo spettacolo rivolto agli studenti di tutto il comprensorio andrà in scena il 25 gennaio presso la Pinacoteca Comunale di Gaeta dalle 9 alle 12; a Minturno il 28 e 29 gennaio dalle 9 alle 12, rivolto agli studenti, presso il castello Baronale, ed il serale alle ore 19, aperto al pubblico su prenotazione sempre presso il Castello Baronale contattando il 3200782841; a Formia lo spettacolo andrà in scena per gli studenti presso la Torre di Mola il 30 e 31 gennaio ed il 1 febbraio presso l’Istituto Comprensivo “P. Mattej”dalle ore 9 alle 12, ed il 30, sempre presso la Torre di Mola, il serale aperto al pubblico su prenotazione contattando sempre il 3200782841.

Minturno, Mattinata Fai d’Inverno

Sono giunte alla VII edizione le “Mattinate FAI d’Inverno”, l’evento nazionale del Fondo Ambiente
Italiano dedicato al mondo della scuola, nel quale gli studenti sono chiamati a mettersi in gioco in prima
persona per scoprire le proprie città da protagonisti.
La Fondazione ha invitato gli allievi delle scuole di ogni ordine e grado a conoscere il patrimonio
storico e artistico del proprio territorio, accompagnati da altri studenti, gli Apprendisti Ciceroni, giovani
appositamente preparati, che, indossati i panni dei narratori d’eccezione, raccontano alle classi in visita il valore dei beni aperti e le storie che custodiscono, in occasione delle “Mattinate FAI d’inverno”.
Così, sono stati aperti, gratuitamente e in esclusiva, 170 meravigliosi siti del patrimonio nazionale.
Gli studenti hanno avuto l’occasione di partecipare a visite guidate condotte da loro coetanei e di vivere
un’insolita esperienza di “educazione tra pari”.
La Delegazione Gaeta/Latina del FAI ha partecipato per la seconda volta a queste giornate e le
aperture sono state programmate a Minturno e a Cisterna. Per l’occasione, nel Sud Pontino, è rientrato nel progetto il Ponte Borbonico sul Garigliano.
Evidente la sinergia tra l’Amministrazione Comunale, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e
Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti (con il supporto della dottoressa Giovanna Bellini), il Comitato “Luigi Giura” e le Dirigenze dell’Istituto Tecnico “Gaetano Filangieri” di Formia e degli Istituti Comprensivi “Antonio Sebastiani” di Minturno e “Marco Emilio Scauro” di Scauri.
Ieri 30 novembre gli studenti del “Filangieri” di Formia, nell’ambito del progetto

Mattinata Fai d'inverno
Classi coinvolte nell’iniziativa

Alternanza Scuola/Lavoro, guidati dalla professoressa Caterina Di Micco, hanno accompagnato, in visita guidata al Ponte Borbonico, gli alunni delle classi prime delle Scuole Secondarie di Primo Grado di Minturno e di Scauri, che hanno fruito del trasporto gratuito garantito dal Comune.
Il Sindaco Gerardo Stefanelli e l’Assessore Mimma Nuzzo ringraziano il FAI e la Dirigente del
“Filangieri” Rossella Monti per l’importante input fornito ai ragazzi delle scuole del territorio: “Solo così – dicono i due amministratori – possiamo recuperare il valore dell’appartenenza e dell’identità territoriale.

 

Inaugurato nel 1832, il Ponte Borbonico Real Ferdinando sul Garigliano è stato il primo ponte
sospeso in Italia e il secondo in Europa. Dopo essere stato danneggiato durante la seconda guerra
mondiale, è stato restaurato con un progetto di archeologia industriale finanziato dalla Comunità Europea.