A Formia si lavora per modificare gli orari d'apertura della biblioteca

Il gruppo Formiaè ha protocollato la scorsa settimana presso gli uffici comunali di Formia la proposta di modifica degli orari d’apertura della biblioteca comunale. Insieme alla proposta lo stesso gruppo ha allegato una raccolta di oltre 350 firme compiuta nei giorni precedenti. La proposta presentata è quella di modificare gli orari e i giorni d’apertura della biblioteca ‘Tenente Filippo Testa’. Nello specifico si chiede ai dirigenti comunali di prolungare il servizio bibliotecario fino alle 19:30 durante la settimana e aprire la struttura anche il sabato mattina. Richiesta che ha trovato successo tra i frequentatori dello spazio, in prevalenza studenti universitari che sarebbero entusiasti di poter usufruire di uno spazio per studiare anche durante il sabato, giorno in cui solitamente gli atenei universitari sono chiusi e quindi dedicato allo studio.

Il gruppo inoltre attento anche a quelle che sono le esigenze di bilancio del comune nella proposta presentata al comune fa notare anche come per attuare questa modifica non sia necessario l’impiego di altro personale ma basti redistribuire in maniera diversa i turni dei 4 lavoratori impiegati nel servizio bibliotecario.

Formia, il comune chiederà lo stato di calamità naturale.

Una situazione piuttosto pesante quella che si è verificata a Formia nella notte tra domenica e lunedì scorso a causa delle avverse condizioni metereologiche ed ora bisogna ricorrere ai ripari.

Questo quello che ha asserito il sindaco di Formia, Paola Villa, nella conferenza stampa che si è tenuta ieri (25 settembre 2019), presso la sala Ribaud della casa comunale, accompagnata dal vicesindaco Carmina Trillino e  dagli assessori all’ambiente e all’urbanistica, Orlando Giovannone e Paolo MazzaIl Comune, ha aggiunto il primo cittadino, chiederà alla Regione Lazio lo stato di calamità naturale intanto le famiglie stanno tornando alla normalità anche se ci vorrà del tempo.

Per quanto riguarda, invece, la situazione di Largo Paone, il quale sarà la quinta o sesta volta che si allaga, procurando degli enormi danni alle attività commerciali gravitanti nella zona, l’amministrazione l’ha messa tra le proprie priorità e ci sta lavorando molto per cercare di risolvere il problema senza dover smantellare e rifare tutta la piazza, come molti asseriscono. Intanto si consiglia agli operatori commerciali di dotarsi di pompe proprie mentre il comune presto avvierà un controllo degli impianti elettrici.

Altro punto affrontato, durante l’incontro, è stato quello dell’esistenza in città di pini pericolanti e a tal riguardo la Villa ma anche l’assessore Mazza ci hanno tenuto a precisare che sui 120 esistenti, 80 verranno presto abbattuti dalla ditta che a breve si aggiudicherà il bando del verde pubblico a Formia.

L’assessore all’ambiente, Orlando Giovannone, ha infine parlato della situazione dei torrenti e ha evidenziato che per quanto concerne quello che ha invaso Via Rotabile c’è da considerare anche che la causa dello straripamento è dovuto in parte al brutto incendio verificatosi giorni addietro nella zona di Castellonorato. In questo campo si sono avviati i monitoraggi che continueranno anche nei prossimi giorni. Situazione diversa per il Torrente di Pontone, che la settimana scorsa è stato oggetto di un incontro in Regione con il Movimento 5 stelle per mettere attorno ad un tavolo i comuni di Formia, Gaeta e Itri al fine di riprendere in mano una vecchia progettazione.

Formia, dal 4 all'8 settembre tornano "Le Notti di Cicerone"

Il  4-5-6-7-8 settembre a Formia tornano “Le Notti Di Cicerone” , cinque giornate dedicate  alla vita che svolgeva lungo queste coste il celebre oratore romano Marco Tullio Cicerone, che proprio qui nella cittadina laziale morì nel 43 a.C.

I tesori archeologici e le bellezze della città, saranno i protagonisti in un programma ricco di eventi musicali e teatrali e di visite private, che vedono la collaborazione di numerose associazioni gravitanti sul territorio.

La kermesse è stata presentata con un’apposita conferenza stampa sabato 24 agosto, presso l’Area Archeologica Caposele dal Sindaco Paola Villa, dall’assessore al turismo Kristian Franzini e dall’assessore alla cultura Carmina Trillino.

“Un insieme di eventiha detto il primo cittadinoche vogliono permettere ai cittadini di riappropriarsi dei propri luoghi, molti dei quali sono sconosciuti anche a loro che ci vivono. Un modo per dimostrare che qualsiasi cosa positiva, seppur appartenente al passato, va ripresa, rispolverata, rifatta arricchita senza pretendere alcun confronto col passato ma con la sola voglia di fare meglio”.

Per l’assessore al turismo Kristian Franzini, il quale ha spiegato nel dettaglio il programma,  si tratta di una fase sperimentale, in cui bisogna correre il rischio di fare qualche errore ma è necessario non farsi prendere dall’ansia di prestazione, è solo il primo step di una cosa che deve avere lunga vita.

Sarà un momento di conoscenza sotto tutti gli aspetti per l’assessore alla cultura Carmina Trillino, la quale si è soffermata in modo particolare sulla serata del 5 settembre quando ci sarà il conferimento di un riconoscimento alla città di Arpino, città natale del grande Oratore con la quale da dicembre 2018 l’amministrazione formiana è tornata a ricostruire un gran rapporto. Il fine de “Le Notti di Cicerone” è quello di dimostrare che attraverso lo scambio ed il lavoro sinergico tra pubblico e privato si può creare amore verso una città e farla conoscere fuori. Dunque Cicerone quale veicolo di conoscenza, cultura e scambio.

E sulla questione del marchio i tre amministratori ci hanno tenuto a precisare che da attenti controlli si è venuti a conoscenza che in realtà non è registrato e dunque appartiene a nessuno e bisogna comunque evitare di dare vita, per amore della città, a diatribe primitive e puerili.

Intervista a Paola Villa - Ecocentro Enaoli e problema rifiuti

Esegui

Letizia Lagni intervista il sindaco di Formia Paola Villa sulle problematiche all’ecocentro Enaoli e sulla crisi del conferimento dell’organico che riguarda tutta la provincia di Latina.