Intervista a Salvatore De Meo - Conferenza Stampa 13-08-2019

Diversi i temi affrontati dal sindaco di Fondi Salvatore De Meo nella consueta conferenza stampa quadrimestrale. Il primo cittadino ha parlato di manifestazioni culturali, lavori pubblici, urbanistica e rifiuti. Stimolato dalle domande dei giornalisti ha anche accennato alla questione del Museo del Neorealismo, all’ospedale di Fondi e alla mobilità cittadina con particolare attenzione alle biciclette e agli incendi boschivi.

Inaugurato il Fondi Summer Sport

Inaugurata anche quest’anno l’edizione del Fondi Summer Sport che andrà avanti fino al prossimo 28 luglio e che avvolgerà tutto il centro cittadino. Da piazza De Gasperi, a piazza IV Novembre fino a Piazza Municipio, il Fondi Summer Sport concentra tornei e spettacoli, esibizioni e divertimento, tutto nel cuore pulsante della città dando vita all’estate fondana.

L’evento organizzato dal Comune di Fondi e dalla Pro Loco Fondi, grazie al patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e il supporto dell’Asd Fondi Calcio ha visto intervenire all’inaugurazione il sindaco di Fondi Salvatore De Meo, il presidente della Pro Loco Gaetano Orticelli e Cristian Peppe che cura l’organizzazione logistica dell’edizione 2019.

Dopo il taglio del nastro e i saluti degli organizzatori è stata la volta del match inaugurale con in campo – come da tradizione – la squadra che ha alzato il trofeo nell’edizione 2018. Man mano che passano i giorni, in pieno stile Fondi Summer Sport si arricchiscono le esibizioni sia sul palco di Piazza De Gasperi che nell’arena all’aperto di Piazza De Gasperi, perché il Fondi Summer Sport è una vera festa dell’estate fondana.

Il Fondi Summer Sport – ha spiegato il sindaco di Fondi Salvatore De Meo rivolgendo un ringraziamento agli organizzatori – è uno degli eventi principali dell’Estate Fondana. Anno dopo anno ha sempre più trovato la sua centralità nel calendario estivo mettendo lo sport e non solo al centro delle proprie attività, facendo anche riscoprire con attività al centro le bellezze dei nostri luoghi. Pertanto il plauso lo voglio rivolgere a questo team di giovani e a Cristian Peppe che li coordina, che anno dopo anno mettono su questa bella manifestazione.” 

Mister Iacozza premiato dal sindaco di Fondi per i risultati raggiunti

E’ il primo tecnico della Città di Fondi ad allenare un club di Basket di Serie A italiana e il primo cittadino ha voluto omaggiarlo con una targa ricordo: Alessandro Iacozza è stato ricevuto nella giornata di ieri dal Sindaco di Fondi Salvatore De Meo, che ha voluto congratularsi con il coach per l’importante traguardo professionale raggiunto dopo una già brillante carriera.

Dopo aver vinto un campionato di Serie C2 con il Basket Fondi nel 2008/2009 e aver condotto per la prima volta una società di Basket della nostra Città all’approdo nel campionato nazionale C1, Alessandro Iacozza ha ricoperto per diversi anni il ruolo di vice allenatore in serie A con le società di Veroli e Ferentino.

Nel Settembre 2018 è stato chiamato a ricoprire il ruolo di vice allenatore della Cagliari Dinamo Academy, che milita nel campionato A2, e dopo 11 giornate, con la squadra sarda ultima in classifica con il misero bottino di soli 2 punti conquistati (10 sconfitte e una vittoria), Iacozza è subentrato nel ruolo di Capo Allenatore in sostituzione del coach esonerato. Alessandro è riuscito nel miracolo di salvare il team cagliaritano senza nemmeno doversi giocare la permanenza nel campionato attraverso la lotteria dei play-out, sebbene tutti ormai dessero per spacciata la società sarda.

L’ultima grande soddisfazione per il coach fondano è stata, nei giorni scorsi, la chiamata da parte della FIP – Federazione Italiana Pallacanestro, che gli ha affidato l’incarico di allenatore della Nazionale Italiana Under 23 di 3vs3 che parteciperà alla Nations League in programma dal 7 al 10 Giugno all’Aia, nei Paesi Bassi.

Nel corso dell’incontro svoltosi presso il Municipio, alla presenza del Consigliere comunale Fabrizio Macaro, il Sindaco De Meo ha espresso le proprie felicitazioni ad Alessandro Iacozza, augurandogli di riuscire a portare sempre più in alto il nome della città di Fondi sui palcoscenici del Basket nazionale e internazionale.

Cedimento di una parte della Tomba di Gavio Nauta a Fondi

Nei giorni scorsi si è verificato il cedimento di una porzione della Tomba romana di Gavio Nauta, situata al Km 120.600 della via Appia.

Il Comune di Fondi, appreso l’accaduto nella giornata di ieri, Giovedì 11 Aprile, grazie ad una segnalazione della Polizia Locale, ha immediatamente allertato la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti. Nella stessa giornata la Soprintendente Dott.ssa Paola Refice e il funzionario responsabile Dott. Francesco Di Mario, il funzionario Arch. Daniele Carfagna, congiuntamente a personale tecnico del Comune tra cui il Dirigente dell’Ufficio Tecnico, membri del locale Corpo di Polizia Municipale e dei Vigili del Fuoco sono intervenuti sul posto. Constatato l’accaduto, la Soprintendenza, il Sindaco Salvatore De Meo e l’Assessore all’Urbanistica Claudio Spagnardi hanno stabilito congiuntamente che la prossima settimana si procederà alla messa in sicurezza l’area e inibito il libero accesso, per proseguire in seguito con idonei interventi di consolidamento, anche statico, e di restauro dopo un accurato studio dello stato di conservazione e identificazione delle criticità. Un progetto della Soprintendenza per il restauro e valorizzazione del monumento è stato finanziato nelle scorse settimane dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

«Purtroppo il crollo che si è registrato – afferma il sindaco Salvatore De Meo – è dovuto alle condizioni critiche del monumento, ben note da tempo anche al nostro Ente. Ci solleva, e deve rassicurare i cittadini, l’impegno assunto dalla Sovrintendenza che ora, oltre all’intenzione di intervenire, disporrà anche di risorse economiche. A tal proposito desidero ringraziare a nome dei cittadini la Soprintendente Dott.ssa Refice per la sensibilità dimostrata nel tempestivo intervento e nell’impegno assunto anche per il reperimento delle risorse necessarie a riportare il monumento al suo antico splendore».