Borse di studio per gli studenti residenti a Formia

Entro il 7 marzo 2019 le famiglie in condizioni economiche svantaggiate, con figli frequentanti le scuole secondarie di secondo grado con residenza anagrafica nel Comune di Formia, potranno fare richiesta di borse di studio a sostegno della spesa sostenuta per l’anno scolastico in corso

La garanzia del diritto allo studio deve essere perseguito in tutte le forme” questo l’obiettivo che ha spinto il sindaco Paola Villa e l’assessore alle Politiche Giovanili e alla Scuola Alessandra Lardo ad attivare da subito tutte le procedure affinché l’ufficio scuola recepisca le domande delle famiglia.

Inoltre è stata inviata a tutti i dirigenti degli istituti scolastici, compresi quelli di Gaeta, Minturno e Fondi in cui studiano molti ragazzi di Formia, una lettera di invito a divulgare la notizia. A partire da oggi è possibile scaricare sul sito del Comune di Formia, o ritirare all’ufficio scuola e alle segreterie delle istituzioni scolastiche il modulo per la richiesta di contributo che dovrà essere consegnato all’ufficio scuola sito in via Lavanga.

Formia / Alla scoperta dell’Istituto “Bruno Tallini”

Formia – L’istituto Bruno Tallini si trova nel Comune di Formia, in località Penitro, non distante dal Centro Commerciale Itaca e nei pressi della superstrada Formia-Cassino. La sua posizione risulta baricentrica rispetto ai paesi circostanti che costituiscono il suo naturale bacino di utenza. È facilmente raggiungibile da Itri e Lenola con Bus Cotral diretto. Gli alunni provenienti da Fondi e Monte San Biagio trovano alla stazione di Formia i bus Cotral o ATP che li accompagnano all’Istituto. Analogamente i ragazzi provenienti da Castelforte, Santi Cosma e Damiano, Minturno e Scauri usufruiscono di linee Cotral che raggiungono direttamente il piazzale della scuola.

Il “Tallini” ha tre indirizzi da poter scegliere: Costruzioni Ambiente e Territorio si inserisce a pieno titolo nel campo della salvaguardia dell’ambiente e la tutela del territorio; Grafica e comunicazione è una scoperta delle nuove tecniche e software relativi al lavoro del Graphic Designer; Chimica, materiali e biotecnologie dove si sperimenta la conoscenza degli elementi e materiali della chimica, un indirizzo tutto da scoprire.

Infatti, all’interno dell’istituto si può partecipare ad attività extrascolastiche pomeridiane. Inoltre, il Triennio usufruisce dell’alternanza scuola-lavoro negli studi dei geometri oppure nelle aziende, progetto che aiuta i ragazzi a intraprendere la strada del lavoro futuro. Uno dei tanti progetti è l’ERASMUS, dove alcuni studenti partiranno per  la Turchia e conoscere  le culture del paese. A tal proposito, il progetto consentirà agli studenti di migliorare la propria dimestichezza con la lingua inglese. Infatti saranno ospitati presso famiglie locali turche.

Per il progetto Erasmus, le scuole delle nazioni coinvolte hanno creato un logo rappresentativo. In rappresentanza dell’Italia, gli studenti dell’indirizzo Grafica e Comunicazione della classe 4C hanno realizzato il logo. E’ stato scelto durante una votazione avvenuta nell’Aula magna in cui tutti gli studenti dell’istituto hanno espresso il loro voto nel novembre scorso.

Dunque, per maggiori informazioni visita il sito ufficiale dalla scuola.

Davide Di Fraia

Studente del 4C Tallini, Formia

https://www.youtube.com/watch?v=XS5fcRgLHak

Anche il Tallini arriva a quota 100

Il Geometra Bruno Tallini, con il ministage che si sta ha attirato l’attenzione di molti ragazzi facendo raggiungere più di cento iscrizioni.

DECOLLO PER GRAFICA E COMUNICAZIONE

Il perito in Grafica e Comunicazione ha raggiunto quasi l’80% dei ragazzi iscritti, facendo superare il numero dell’anno passato.

L’INDIRIZZO GRAFICA E COMUNICAZIONE

Esso si basa su competenze Tecnico Professionali e ha competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa , con particolare riferimento all’uso delle tecnologie per produrla.
-Interviene nei processi produttivi che caratterizzano il settore della grafica, dell’editoria, della stampa e i servizi ad esso collegati, curando la progettazione e la pianificazione dell’intero ciclo di lavorazione dei prodotti.

– intervenire in aree tecnologicamente avanzate e utilizzare materiali e supporti differenti in relazione ai contesti e ai servizi richiesti;
– integrare conoscenze di informatica di base e dedicata, di strumenti hardware e software grafici e multimediali, di sistemi di comunicazione in rete, di sistemi audiovisivi, fotografici e di stampa;
– intervenire nella progettazione e realizzazione di prodotti di carta e cartone;
– utilizzare competenze tecniche e sistemistiche che, a seconda delle esigenze del mercato del lavoro e delle corrispondenti declinazioni,

Scopri i vari servizi del tallini:

Esso si rivolge: alla programmazione ed esecuzione delle operazioni di prestampa e alla gestione e organizzazione delle operazioni di stampa e post-stampa, alla realizzazione di prodotti multimediali, alla realizzazione fotografica e audiovisiva, alla realizzazione e gestione di sistemi software di comunicazione in rete, alla produzione di carta e di oggetti di carta e cartone (cartotecnica);
– gestire progetti aziendali, rispettando le norme sulla sicurezza e sulla salvaguardia dell’ambiente;
– descrivere e documentare il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti e redigere relazioni tecniche.
A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato in “Grafica e Comunicazione” consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze.

Tra i progetti del tallini ci sara il progetto della Turchia.

Per ulteriori informazioni vai sul sito ufficiale.

Carmine Rossi e Maria Innesti

https://www.youtube.com/watch?v=zqexDCyjcJ4

Gaeta, secondo appuntamento della stagione di teatro per la scuola “10 e Lode”

Dopo il successo dello straordinario “teatro dei piedi” di Laura Kibel, il secondo appuntamento della stagione di teatro per la scuola “10 e Lode” promossa dal Teatro Bertolt Brecht in collaborazione con il Teatro Ariston di Gaeta all’interno del progetto “Officine culturali” della Regione Lazio e del riconoscimento del MIBAC. 

Il 15 gennaio oltre 500 bambini e ragazzi delle scuole di Itri, Gaeta e Formia assisteranno all’Ariston di Gaeta allo spettacolo scelto per commemorare la Giornata della memoria “Le Carlottine” della compagnia Errare Persona di Frosinone per la drammaturgia di Damiana Leone da Elsa Morante. 

Carlottina è una bimba ariana nella Germania Nazista che ha una cara amica con cui gioca sempre, Carlotta. Carlottina e Carlottina giocano sempre insieme e si divertono ad interpretare la realtà a modo loro: così il termine ariani per loro diventa “pieni di aria o quelli che fanno le puzzette”, Il Fuhrer diventa Furio perché è sempre arrabbiato e Benito Mussolini diventa Bonito perché è convinto di essere bellissimo. Quando Carlotta è costretta da ebrea a portare la stella gialla, Carlottina escogita un piano per salvare la sua amica e il mondo, riempiendolo di stelle gialle.

Carlottina è un piccolo personaggio inventato da Elsa Morante: “un romanzo d’avventure e d’amore (regolarmente diviso in parti e capitoli dove i personaggi protagonisti riappaiono sotto diversi travestimenti). E’ un poema epico-lirico-didascalico in versi sciolti e ritmati, regolari e irregolari. E’ un’autobiografia. E’ un memoriale. E’ un manifesto. E’ un balletto. E’ una tragedia. E’ una commedia. E’ un madrigale. E’ un documentario a colori. E’ un fumetto. E’ una chiave magica. E’ un sistema filosofico-sociale… Insomma, è un libro”. 

Desta un grande interesse nell’incontrare questo personaggio il modo assolutamente puro e fanciullesco con cui l’autrice riesce a parlare dei “felici pochi”, cioè degli ultimi, dei disgraziati, delle vittime. E tra le vittime non potevano mancare quelle dell’Olocausto, di cui parla con la dolcezza dei bambini dotati di quella sana incoscienza nel comprendere le grandi tragedie che gli adulti purtroppo non hanno.

Sono state selezionate e musicate per lo spettacolo le ballate che parlano direttamente delle vittime dei lager come se a parlarne fossero da una lato le anime di quei morti, dall’altro dei bambini per cui le stelle gialle erano stelle del cielo.